Questo sito contribuisce alla audience di donnamoderna.com
Stai leggendo la guida Come fare il soffritto

Come fare il soffritto

Il soffritto è una preparazione culinaria utilizzata come base di moltissime ricette. Viene impiegato per i risotti e la pasta, così come per le carni brasate, gli spezzatini, i piatti a base di pesce e perfino le verdure stufate.

Utilizzando un semplice scalogno o cipolla, la carota, il sedano, un po’ di olio ed eventualmente del vino bianco o acqua, è possibile portare in cucina dei perfetti soffritti, senza dover essere per forza dei grandi chef o avere a disposizione poi chissà quanto tempo.

Come fare il soffritto

Per fare il soffritto vi servirà un tagliere, un pela verdure ed un coltello.

Per gli ingredienti invece vi serviranno:

  • 1 Cipolla
  • 1 Costa di Sedano
  • 1 Carota

La proporzione dovrà essere di 500 gr per la cipolla, 200 gr per il sedano e 300 gr per la carota. Ovviamente le dosi possono variare in base al proprio gusto personale.

Vediamo quindi nello specifico come preparare prima il battuto di verdure, anche detto mirepoix (in francese), e successivamente in che modo dovrà soffriggere.

Fase 1. La Cipolla

Pulite la cipolla sbucciandola e, adagiandola sul tagliere, dividetela in due. Poggiatene una metà con la parte piatta rivolta sul tagliere e tagliatela prima a fette e successivamente a cubetti. Ripetete quest’operazione anche per l’altra metà.

Fase 2. Il Sedano

Eliminate le foglie esterne della costa di sedano e lavatela accuratamente con acqua corrente fredda. Con il pela verdure rimuovete la parte filamentosa esterna ed utilizzate il coltello, successivamente, per formare le varie striscioline. A questo punto tagliate nel verso opposto per creare dei piccoli cubetti.

Fase 3. La Carota

Lavate la carota con acqua corrente fredda e sbucciatela con il pela verdure. Mettetela sul tagliere e, con il coltello, tagliatela per la lunghezza in strisce sottili. Tagliate quindi ogni strisciolina per formare i cubetti.

Questo trito di verdure può essere utilizzato in cucina a crudo, arrosto ed ovviamente soffritto.

Ecco come procedere per il soffritto:

Fase 4. Mettete dell’olio extravergine d’oliva in un’ampia padella.

Fase 5. Quando risulterà ben caldo aggiungete il trito di cipolla, sedano e carota ed amalgamate.

Fase 6. Fate cuocere per circa 15 minuti o comunque fin quando la cipolla non risulterà essere trasparente.

Consiglio: per chi volesse accelerare la cottura è possibile sfumare, dopo 5 minuti, con del vino bianco oppure con dell’acqua.

2 tritare carote cipolla sedano
Il vostro soffritto è pronto per essere utilizzato.

Come conservare il soffritto

Il soffritto, oltre ad essere preparato e subito impiegato per un’ottima ricetta, può anche essere conservato.

C’è infatti chi è solito riporlo in frigorifero oppure nel congelatore.

In frigorifero è possibile mantenerlo per circa 24 ore, riponendolo in un contenitore di vetro appena si sarà totalmente raffreddato.

Nel congelatore invece, oltre ad aspettare che diventi freddo, bisogna anche accertarsi che il soffritto sia ben asciugato. Utilizzando della carta assorbente, va quindi rimossa il più possibile la parte liquida prima di utilizzare i sacchetti alimentari per la congelazione. In questo modo potrete congelare carote, congelare il sedano ed anche la cipolla.

ricette con soffritto

scopri cosa preparare con il soffritto

guide correlate

qualche utile consiglio sul soffritto
Come tagliare la cipolla

Come tagliare la cipolla

Originaria della Persia, la cipolla è una pianta erbacea che per lungo tempo è stata attribuita alla famiglia delle liliacee, [...]

scheda ingredienti

leggi informazioni interessanti sugli ingredienti
Cipolle

Cipolle

Cosa sono: La cipolla, Allium cepa, è una pianta tradizionalmente attribuita alla famiglia delle Liliaceae, ma che dopo una recente [...]
Sedano

Sedano

Che cos’è il sedano Considerato quasi il re dell’orto, il sedano è un vegetale che appartiene alla specie erbacea delle [...]
Carote

Carote

Cosa sono: La carota, dal greco Karotón, è un ortaggio della famiglia delle Umbelliferae, ovvero delle Apiaceae. Cresce soprattutto nei [...]