Questo sito contribuisce alla audience di donnamoderna.com
Stai leggendo la guida Come sbucciare le cipolle senza lacrime

Come sbucciare le cipolle senza lacrime

Originaria dell’Asia (esattamente della Persia), la cipolla è una pianta erbacea biennale che viene raccolta tra maggio ed agosto per poi essere lasciata essiccare all’aria.

In cucina la si trova alla base di tantissime preparazioni, questo per il suo intenso e particolare odore, ma non tutti sanno che la cipolla ha anche diverse proprietà benefiche e terapeutiche. Con il suo consumo, infatti, si combattono i radicali liberi dell’organismo, si favorisce l’aumento delle difese immunitarie, si rinforzano le articolazioni, le ossa e la flora intestinale.

100 grammi di cipolle gialle contengono soltanto 35 calorie, motivo per cui appartengono alla categoria degli alimenti ipocalorici.

Perché le cipolle fanno lacrimare

Nonostante i tanti benefici e gli aspetti positivi, molto spesso i nostri occhi iniziano a lacrimare quando sbucciamo ed affettiamo le cipolle. Questo succede perché durante queste operazioni viene rilasciata una sostanza, chiamata alliina liasi (o alliinasi), che a sua volta emette il propanethial, con la conseguente irritazione delle mucose (attraverso il naso) e quindi la fastidiosa lacrimazione e forte sensazione di bruciore.

Come sbucciare le cipolle senza lacrime

Per fortuna a tutto c’è un rimedio!

Anche se molti non ne sono a conoscenza, è possibile sbucciare ed affettare le cipolle senza lacrimare. Esistono dei piccoli passaggi, se preferite potete anche chiamarli trucchetti, che consentono di maneggiare le cipolle senza alcun tipo di fastidio.

Ecco quali sono:

Fase 1. Sbucciate le cipolle con le dita, evitando di utilizzare il coltello. La maggior parte delle persone sono solite tagliare le calotte (sia superiore che inferiore) per agevolarsi nell’operazione, senza sapere che in questo modo iniziano già ed entrare in contatto con la sostanza irritante.

Fase 2. Gettate via le bucce, appena rimosse, dal tagliere. Così potrete evitare ogni eventuale fastidio.

Fase 3. E’ assolutamente rischioso sfregarsi gli occhi con dita che hanno toccato le cipolle. Se proprio non potete farne a meno, lavate prima le vostre mani con cura.

Fase 4. Prima di affettare le cipolle è necessario sciacquarle con dell’acqua fredda e, successivamente, lasciarle un po’ in ammollo dopo averle divise a metà. Per utilizzarle basterà aspettare pochi minuti, giusto il tempo che l’acqua riesca ad entrare nei vari strati di ogni cipolla.

Fase 5. Iniziate a tagliare una metà alla volta e, quando avrete finito con la prima, spostatela lontano dal vostro tagliere e copritela. Procedete quindi con il taglio della seconda metà, che avrete intanto tenuto con la parte curva rivolta verso l’alto.

Importante: durante questa fase potreste notare ugualmente un leggero pizzicore agli occhi, sarà da escludere però un’eventuale lacrimazione.

Fase 6. Quando le cipolle affettate saranno pronte per la fase di cottura, non dimenticate di utilizzare un coperchio.

Fase 7. Evitate di passare troppo tempo vicino alla pentola in cui avrete messo le cipolle, se potete lasciate la cucina per ritornare soltanto di tanto in tanto.

cipolle senza lacrime

Ma oltre a questi rimedi, testati da più persone (e più volte), esistono anche quelli che potremmo definire “della nonna”.

Rimedio della nonna 1: lasciate le cipolle in frigorifero, o in freezer, un po’ di tempo prima di passare alla fase del taglio.

Rimedio della nonna 2: posizionate, accanto al vostro tagliere, una candela accesa. La fiamma di quest’ultima, a quanto pare, attirerà a sé tutti i gas prodotti dalle cipolle affettate.

Rimedio della nonna 3: bagnate più volte la lama del coltello da impiegare, passandola sotto il getto di acqua fredda, o tagliate direttamente le cipolle in acqua.

Rimedio della nonna 4: dopo aver tagliato le cipolle in due parti, bagnatene la polpa con una soluzione a base di acqua ed aceto.

 

Nonostante tutto continuate ancora a lacrimare quando sbucciate ed affettate le cipolle? Potete sempre optare per un rimedio “alternativo”:

Rimedio alternativo: prima di entrare in contatto con le cipolle indossate un paio di occhiali (da vista o da sole), degli occhialini da piscina o una grande maschera subacquea. Utilizzate tutto quello che potrebbe proteggere i vostri occhi e magari anche il naso, evitando così che il dispiacere di far sciogliere il mascara sugli occhi.

 

Se nonostante tutti questi trucchi e rimedi vi trovate a scoprire che le cipolle non fanno proprio per voi, potete sempre pensare di ripiegare su dell’erba cipollina che è decisamente più delicata (nel suo profumo come nel suo sapore).

ricette con cipolle

scopri cosa preparare con le cipolle

guide correlate

qualche utile consiglio sulle cipolle
Come tagliare la cipolla

Come tagliare la cipolla

Originaria della Persia, la cipolla è una pianta erbacea che per lungo tempo è stata attribuita alla famiglia delle liliacee, [...]

scheda ingrediente

leggi informazioni interessanti sulla cipolla
Cipolle

Cipolle

Cosa sono: La cipolla, Allium cepa, è una pianta tradizionalmente attribuita alla famiglia delle Liliaceae, ma che dopo una recente [...]
Cipolla di Tropea

Cipolla di Tropea

La cipolla di Tropea è la variante rossa delle cipolle. E’ coltivata tra Nicotera, in provincia di Vibo Valentia e [...]