Stai leggendo la guida Come sostituire il sale

Come sostituire il sale

Sale: uso e abuso

Il sale, principalmente composto da cloruro di sodio, è attualmente il principale insaporitore per uso alimentare. È un elemento essenziale per la vita, al punto da essere entrato nei modi di dire: l’espressione “il sale della vita” indica appunto qualcosa con un tocco in più.

Naturalmente, in cucina, così come in ogni altro ambito della vita, gli eccessi non sono mai salutari. Nel caso specifico, ricordate che abbondare con il sale può essere davvero pericoloso.
Studi recenti hanno dimostrato che un consumo eccessivo di sale, superiore ai 5 g al giorno, può essere davvero nocivo, portando addirittura a un aumento del rischio di problemi cardio-circolatori anche in persone sane. Per non parlare quindi delle persone con problemi renali, di ipertensione o di obesità, maggiormente esposte ai rischi per la salute connessi all’abuso di sale. Non vi ho ancora convinto? Pensate allora all’incubo di tutte le donne: cellulite e ritenzione idrica, infatti, tendono fortemente ad aumentare in relazione all’abuso di sale nella dieta quotidiana!

A questo proposito, va fatta un’importante considerazione in merito agli alimenti pre-confezionati, pre-cotti e da fast food. Lo so, lo so: vuoi per i tempi ristretti di cui disponiamo da dedicare alla cucina, vuoi per i sapori intensi (chi non ama la frittura??), vuoi anche per il gusto del “proibito”, è difficile resistere al richiamo del fast food… Ma cerchiamo di tenere a mente che tutti quei saporitissimi esaltatori di sapidità non sono per niente salutari!

Per quanto riguarda i bambini, poi, ricordatevi che, soprattutto finché sono ancora molto piccoli, non sentono assolutamente la mancanza del sale nelle pietanze in quanto non lo conoscono affatto. Se invece daremo loro da mangiare alimenti salati, o eccessivamente salati, difficilmente riusciranno poi ad apprezzare una pietanza senza sale o dal sapore più delicato.

Anche quando non vi sono particolari problematiche di salute pregresse, dunque, è buona norma imparare a limitare l’utilizzo del sale.

sale

Come limitare l’uso del sale

Il primo consiglio che posso darvi iniziare a ridurre il consumo di sale è di provare utilizzare, se non lo fate già, sali integrali e sale iodato, che sono molto più ricchi di sali minerali e pertanto risultano più “saporiti” al palato. Il più diffuso, che potete trovare in tutti i supermercati a un prezzo abbastanza contenuto, è il sale marino integrale. Ultimamente però si stanno diffondendo sempre di più anche sali alternativi, sempre molto saporito, come il sale rosa dell’Himalaya, o anche il particolarissimo sale affumicato.

Un classico stratagemma per limitare l’utilizzo del sale nei vostri piatti è quello di sostituirlo almeno parzialmente con spezie ed erbe aromatiche. Peperoncino, curry, rosmarino, aglio… persino il comunissimo pepe è utilissimo per insaporire i piatti, dalle verdure agli arrosti, in modo salutare.
In commercio si trovano anche numerosi mix di spezie e aromi tritati insieme, da utilizzare per dare sapore alle pietanze. Dai classici aromi per arrosti ai sapori più particolari ed esotici. Il gomasio, ad esempio, di origine orientale, è un ottimo sostituto del sale, preparato con semi di sesamo tostati e sale marino integrale.

Anche vino, aceto e succo di limone possono contribuire a dare sapore ai vostri cibi (ad esempio insalate e verdure in genere).

Un altro trucchetto che potete provare riguarda la cottura della pasta: non salate subito l’acqua, ma aggiungete il sale solo negli ultimissimi minuti di cottura della pasta. In questo modo al vostro palato arriverà la sensazione di sapidità, ma la pasta ne conterrà molto meno perché non avrà avuto il tempo di assorbirlo. Potete usare questo espediente anche per la cottura di molti altri cibi, dalle verdure agli hamburger.

Infine, ma questo ricade nell’ovvio, cercate di limitare il consumo di insaccati e di salse e cibi pronti. Lo so, sono buonissimi (e soprattutto comodissimi!), ma hanno un contenuto di sale piuttosto elevato.

Se non avete particolari problemi di salute e volete solo cercare di evitare l’abuso di sale, con questi piccoli accorgimenti dovreste risolvere il problema.

sale dell'Himalaya

Come sostituire il sale

Se invece il medico vi ha consigliato di escludere totalmente il sale dalla vostra alimentazione, i trucchetti che vi ho elencato ovviamente non saranno sufficienti.
Tra l’altro, se siete abituati a consumare sale senza moderazione potrebbe essere davvero difficile reinventare la vostra dieta. Difficile, ma non impossibile! Fortunatamente, infatti, anche in questo caso potete ricorrere a qualche espediente utile.

Innanzitutto, se possibile, cercate di ridurre il sale in modo graduale e non levatelo tutto insieme. In questo modo, avrete il tempo di abituarvi e il cambiamento di dieta sarà meno traumatico.

Anche qui valgono alcuni degli accorgimenti descritti in precedenza.

Spezie ed erbe aromatiche possono contribuire molto ad insaporire le pietanze. Allora via libera a prezzemolo, timo, pepe (nero, bianco, verde, rosa), peperoncino, salvia, basilico, origano, alloro, rosmarino, coriandolo, aglio, cipolla, vino, limone e aceto. Così come anche i vari mix di spezie, da comprare già pronti o da preparare in casa con un buon frullatore. Attenti solo all’elenco degli ingredienti, quando li comprate, in quanto alcuni di questi mix contengono anche sale.

La marinatura per carni, pesce e verdure prima della cottura è un altro ottimo sistema per dare sapore senza sale.

Potete anche provare a cucinare i vostri piatti aggiungendo ingredienti naturalmente sapidi, come acciughe, olive e capperi, ma anche, ad esempio, il parmigiano reggiano.
A questo proposito, forse non tutti sanno che il sedano è un ortaggio molto sapido, al punto da essere utilizzato per fare il cosiddetto sale di sedano, o sale igienista. Lo potete fare tranquillamente anche voi in casa, essiccando e poi polverizzando del normale sedano da costa.

Infine, se proprio non riuscite a fare a meno del sale (e se il medico lo consente!), potete provare a comprare il sale iposodico, indicato per chi ha moderati problemi di pressione e ritenzione.

gomasio

guide correlate

qualche utile consiglio per sostituire altri alimenti
Come sostituire lo zucchero

Come sostituire lo zucchero

Zucchero: pregi e difetti Lo zucchero è il protagonista di gran parte degli alimenti più golosi in circolazione: caramelle, torte, [...]
Come sostituire il burro

Come sostituire il burro

Come sostituire il burro in ricette dolci e salate Il burro è uno dei grassi alimentari più utilizzati in cucina [...]
Come sostituire il latte

Come sostituire il latte

Latte vaccino Negli ultimi anni sempre più spesso abbiamo sentito polemiche e discussioni a proposito di questo ingrediente così diffuso [...]
Come sostituire le uova

Come sostituire le uova

La sostituzione delle uova nella preparazione delle più svariate ricette, dolci o salate che siano, può essere effettuata per motivazioni [...]