Questo sito contribuisce alla audience di donnamoderna.com
Stai leggendo l'ingrediente Kiwi

Kiwi

Kiwi

Cos’è:
Il kiwi è il frutto prodotto da alcune piante della famiglia delle Actinidiaceae, la cui varietà principale è costituita dall’Actinidia deliciosa. Questa pianta, originaria della Cina, veniva coltivata circa 700 anni fa e per gli imperatori cinesi il suo frutto era considerato prelibato, oltre ad essere utilizzato a scopo ornamentale. Nell’ ottocento arrivò in Inghilterra e nel novecento invece in Nuova Zelanda, dove si diffuse con coltivazioni intensive. Alla fine dello stesso secolo giunse anche in Europa ma soprattutto in Italia, dove riscosse subito un gran successo. Oggi l’Italia è il primo produttore ed esportatore mondiale di kiwi, grazie alle numerose coltivazioni nel Lazio e nel Piemonte.

Come utilizzarlo in cucina:
In cucina il kiwi viene consumato soprattutto per la sua polpa succosa e colorata. Può essere mangiato tagliandolo a metà e prendendolo direttamente con un cucchiaino, tipo gelato, oppure dopo averlo fatto a fette. Il suo sapore è più o meno acidulo a seconda della maturazione e per questo in molti lo accompagnano con l’ aggiunta di zucchero. Ottimo negli spiedini di frutta o nella macedonia, il kiwi è utilizzato a colazione aggiunto al muesli oppure come ingrediente di benefici frullati. Molto apprezzato nei ghiaccioli, gelati e sorbetti, questo frutto è perfetto anche per guarnire dolci o torte dal forte impatto estetico. Viene anche impiegato per la preparazione di confetture e gelatine ma, con l’aggiunta di limone, si può fare una composta agrodolce da poter abbinare perfino a piatti salati. Sempre più spesso lo si trova addirittura nelle insalate estive, assieme ai peperoni ed alle zucchine.

Varietà:
In natura esistono diverse varietà di kiwi mentre in Italia ne vengono coltivate e commercializzate solo due: verde e gold. La prima è la più diffusa, con forma ovale, buccia marrone scuro e pelosa, polpa verde brillante e semini neri. La gold, oro, ha invece una polpa gialla e presenta una buccia liscia. Ha una forma più allungata ma entrambe hanno una dimensione simile ed un peso di circa 100 grammi.
Le varietà consumate in Italia si raccolgono da novembre a giugno, negli altri mesi dell’anno invece li importiamo.

Benefici:
Povero di sodio ma ricco di proteine e grassi, il kiwi è un frutto con molti minerali e vitamine. Oltre a quella C, contiene la vitamina E, importante per proteggere il nostro organismo dall’invecchiamento dei tessuti. Alla base dell’ipertensione generalmente c’è lo squilibrio di sodio e potassio e, proprio perché il kiwi abbonda di quest’ultimo, il suo consumo è consigliato per riequilibrare il tutto. Composto all’ 84% da acqua e al 9% da carboidrati, ha circa 44 kcal per 100 grammi. E’ un potente antiossidante e ci aiuta a proteggere il nostro DNA ed a prevenire malattie come il cancro. Alcuni studi scientifici hanno dimostrato come sia importante mangiarlo quotidianamente anche per chi soffre di attacchi di asma; pare sia in grado di ridurre le varie difficoltà respiratorie e la improvvise e fastidiose tossi notturne. Consigliato per chi ha problemi di digestione, grazie invece alla notevole presenza di omega 3 diminuisce i trigliceridi nel sangue e contrasta l’accumulo di placche nelle arterie.

Piccola curiosità:
Inizialmente i kiwi furono chiamati dai neo-zelandesi “uva spina cinese”. Successivamente questo nome fu cambiato in quanto le tasse che lo accompagnavano erano molto elevate. Fu deciso così un nome che rappresentasse la Nuova Zelanda e kiwi è proprio il nome dell’uccello che simboleggia questa nazione.


Leggi tutte le ricette con kiwi

RICETTE IN RILIEVO

LE MIGLIORI RICETTE DA PREPARARE CON il kiwi

GUIDE CORRELATE

QUALCHE UTILE CONSIGLIO
Coloranti naturali: come farli in casa

Coloranti naturali: come farli in casa

Quando prepariamo una ricetta, la sua buona riuscita non dipende esclusivamente dal suo buon sapore, ma anche dal suo aspetto [...]

Ricette con kiwi

Ultime ricette con l'ingrediente kiwi