Questo sito contribuisce alla audience di donnamoderna.com
Stai leggendo la ricetta Caponata

Caponata

5/5 VOTA
Caponata
Caponata
  • preparazione: 15 min
  • cottura: 30 min
  • totale: 45 min
Ingredienti per 4 persone:

La caponata è un contorno tipico della cucina siciliana, un piatto a base di melanzane con pomodori, sedano, cipolla, olive, capperi cucinati in salsa agrodolce.
Non avevo mai fatto la caponata, non l'avevo mai nemmeno assaggiata, ma ne avevo sentito parlare milioni di volte, ma pur avendomi sempre incuriosito avevo paura che non incontrasse i miei gusti. L'altro pomeriggio sfogliando una rivista di cucina mi è ritornata tra le mani la caponata siciliana, ho fatto una piccola ricerca e la ricetta mi sembrava affidabile, mi sono confrontata con le ragazze siciliane del gruppo Facebook e ho messo a punto una ricetta dove ho ben bilanciato tutti i sapori. Devo dire che la mia caponata mi è piaciuta davvero molto ed è decisamente un piatto da rifare ora che ho messo a punto una ricettina davvero niente male ;) Esistono diverse versioni che prevedono anche l'aggiunta di peperoni a questo piatto, io mi sono tenuta sul classico utilizzando solo le melanzane e sotto consiglio di una cuochina, Anna, che mi ha guidato con la ricetta di sua nonna, ho resistito alla tentazione di aggiungere il basilico a fine cottura, e per essere la prima volta e visto l'indice di gradimento a tavola, mi do un bel 10, che ne dite amiche siciliane?

Procedimento

Come fare la caponata

Mondare le melanzane, tagliarle a cubetti e friggerle in una padella con abbondante olio extravergine di oliva.

Sollevare le melanzane con una schiumarola e mettetele da parte.

Affettate le cipolle e tagliate i gambi di sedano a rondelline sottili, mettetele nella padella in cui avete fritto le melanzane (prima però eliminate parte dell'olio in eccesso) e fatele appassire.

Aggiungere i capperi dissalati e le olive denocciolate, e cuocere ancora qualche minuto.

A questo punto aggiungete i pomodori tagliati a cubetti e il concentrato di pomodoro.

Aggiungere in ultimo le melanzane.

Sfumare con una tazzina di aceto in cui avrete sciolto un cucchiaio di zucchero e mescolare delicatamente la vostra caponata.

Ora la caponata è pronta, lasciatela raffreddare e servitela a temperatura ambiente come antipasto, contorno o piatto unico insieme al pane caldo ;)

TAGS: Ricette di Caponata | Ricetta Caponata | Caponata 

Ricette correlate

Ricette simili a Caponata
Lascia un commento
Lascia il tuo commento se hai provato la ricetta, se vuoi un chiarimento prima di cimentarti nella realizzazione del piatto o semplicemente per lasciare il tuo saluto.
Vota la ricetta:

I vostri commenti

Lascia il tuo commento su Caponata
  1. Commento di Misya — 19 maggio 2017 @ 12:57 pm

    @valentina Sì, conservata in frigorifero si mantiene bene!

  2. Commento di valentina — 19 maggio 2017 @ 12:53 pm

    ciao misya, se la preparo ora per mangiarla domani sera va bene?

  3. Commento di Veronica — 10 marzo 2017 @ 11:06 am

    Ciao misya, ho provato a fare questa ricetta ma ahimè pur seguendo alla lettera gli ingredienti, ho trovato fastidioso il retrogusto dell’aceto.. non è eccessivo una tazzina da caffè?!? Buona ma aveva quell’aspro dell’aceto fastidioso.

  4. Commento di nadia — 4 agosto 2016 @ 9:54 pm

    ciao cara, ma serve l’aceto normale, bianco, e di zucchero un cucchiaino da caffe

  5. Commento di Giusy — 23 luglio 2014 @ 3:28 pm

    Ciao misya..l ho fatta ieri e tutti hanno apprezzato il mio piatto…è davvero buona….adoro le tue ricette :)

  6. Commento di marlene febbe — 3 febbraio 2013 @ 8:34 pm

    quero que me mande traduzido em portugues Brasil,obrigado,vi a receita no facebook de meus parentes que tenho na Italia

  7. Commento di Paolo — 31 agosto 2012 @ 7:54 pm

    Figurati , non mi sono offeso .
    Mi fa solo piacere che ti piace il nostro olio evo .
    Se capiti dalle nostre parti , posso anche darti il mio indirizzo e ti faccio prendere la lattina di evo a 5 €. il Kg. .
    Sarà vero che ti costerà 25 €.la lattina da 5 Kg., ma ti posso garantire che sono veramente olive nostrane , coratine e bitontine .
    Conosco benissimo il proprietario del frantoio . Paolo barese doc

  8. Commento di francesca — 31 agosto 2012 @ 5:14 pm

    Ciao Paolo…..grazie per avermi risposto…..io vado matta per l’olio extravergine……io lo prendo sempre quando vado in Calabria dai parenti di mio marito…..Un saluto li a Bari…..da Alessandria….
    Francesca!!!

  9. Commento di Paolo — 31 agosto 2012 @ 4:37 pm

    Scusa Francesca , non pensavo di essere così severo .
    Mi riferisco al mio commento fatto ad Anna .
    CHIEDO UMILMENTE SCUSA .
    Però la domanda mi lascia perplesso , perché dimostra la scarsa conoscenza del famoso olio extra vergine d’ oliva .
    Pensa che ho anche lavorato in 1 frantoio e so anche molte cose che altri non sanno . 1 abbraccio da Bari , terra dell’ olio EVO .

  10. Commento di francesca — 31 agosto 2012 @ 12:20 pm

    x Paolo Barese:mi sono meravigliata della tua risposta ad Anna sull’olio E.V.O……..mi sei sembrato non troppo gentile…..uno può anche non sapere alcune cose….o magari non ci si pensa….magari credeva fosse una marca, e comunque non credo che si debba avere una laurea sull’olio (dato che hai risposto non so come ci si possa confondere su certe cose….) questa è una mia idea comunque…….penso solo che Anna possa esserci rimasta male leggendo la tua risposta…..

10
di 65 commenti visualizzati Mostra altri commenti »