Questo sito contribuisce alla audience di donnamoderna.com
Stai leggendo l'ingrediente Cardi

Cardi

Cardi

I cardi: cosa sono

I cardi (Cynara cardunculus altilis)  è un ortaggio tipico della stagione invernale, appartenente alla famiglia dei carciofi, per questo vengono infatti chiamati anche carciofi selvatici. Il loro sapore è  a metà strada tra il carciofo ed il sedano.

I cardi: come  si presentano

Il cardo è una pianta  perenne  che  a differenza del carciofo ha le coste molto sviluppate. Il cardo non è particolarmente diffuso perchè è molto duro e di sapore amaro, proprio per  questo, durante la coltivazione  spesso viene interrato completamente, affinchè si intenerisca. Dei cardi si consumano i gambi molto lunghi.

I cardi: varietà

Esistono diverse varietà del cardo, il cardo selvatico ad esempio, è quello più  diffuso nel sud e  nel centro Italia e viene anche chiamato cardo mariano o della Madonna, abbiamo poi il cardo Gobbo di Monferrato, a  forma di uncino, che può essere consumato anche crudo, a  differenza delle altre varietà. Il cardo bolognese è privo di spine, anche il  cardo di Chieri è molto  apprezzato, perchè poco  spinoso, infine  ricordiamo  il cardo di Triste che si distingue per i suoi boccioli rossi.

I cardi: proprietà

I cardi sono una pianta che fa molto bene alla  salute, perchè  ricchi di  antiossidanti che, favoriscono il ricambio cellulare ed aiutano  a prevenire i tumori, rallentando anche l’ invecchiamento. Oltretutto hanno azione drenante, purificante e  disintossicante per il nostro corpo, perfetti quindi, dopo grandi abbuffate, o in caso di ritenzione idrica. Essi sono costituiti in larga misura da acqua e  contengono vitamine  e  sali minerali. Pare che i cardi abbiano anche proprietà galattogene, ovvero stimolano la produzione  di latte materno, ideali  quindi nell’ alimentazione  delle  donne che hanno avuto un bambino.

I cardi in cucina

I cardi in genere si preparano gratinati al forno o fritti, previa cottura, di almeno 2 ore nel latte o in acqua, se invece si utilizza il gardo gobbo di Monferrato, non ve ne è necessità. Esistono alcune ricette regionali, preparate proprio con il cardo, in Piemonte  ad esempio vengono accompagnati con la famosa Bagna cauda. In Sardegna poi si produce il  liquore di cardo selvatico ed il cardo sottolio.  Anche la fase di pulitura del cardo , prima della cottura, richiede un lavoro accurato, bisogna infatti eliminare le coste esterne più dure e filamentose. Scelte le  coste migliori poi, si  spuntano e si tagliano a pezzetti, poi vanno immerse in acqua e limone per evitare che anneriscano. Anche in fase di cottura, è opportuno aggiungere il limone o la farina (  se si sceglie di sbollentarli nel latte).

Piccola curiosità: Il cardo è il simbolo della Scozia, da questi definito  come “cardo protettore” in quanto uno dei vichinghi che intendeva attaccarli, pestandone uno  e pungendosi, urlò al punto  da mettere in allerta gli scozzesi, i quali vinsero.

 

 


Leggi tutte le ricette con cardi

Ricette con cardi

Ultime ricette con l'ingrediente cardi