Questo sito contribuisce alla audience di donnamoderna.com
Stai leggendo l'ingrediente Carciofi

Carciofi

Carciofi

Cosè:
Il carciofo, Cynaria scolymus, è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Asteraceae. Il nome così particolare deriva dall’arabo“al-kharshûf” che indicava la radice della pianta. Il fusto, robusto e carnoso, si estende su un’altezza di 1,5 metri, con foglie grandi e polimorfiche. Le parti edibili di questa pianta sono le bratee ed il ricettacolo carnoso dell’infiorescenza.
Alcuni documenti riferiscono che tracce del progenitore selvatico del carciofo si ritrovano già nella Sicilia del I secolo. L’ortaggio si trasforma addirittura in fonte d’ispirazione su alcuni dipinti dell’Arcimboldo.
Per essere di buona qualità e consentire una buona riuscita alle ricette che ne prevedono l’utilizzo, il carciofo deve avere una punta chiusa con le foglie esterne di colore verde scuro. Il gambo deve essere morbido e senza pieghe.

Come utilizzarlo in cucina:
I carciofi possono essere consumati sia crudi che cotti e sono un ottimo ingrediente per la preparazione di piatti gustosi ma anche nutrienti. Che siano utilizzati per il condimento della pasta o come contorno, i carciofi sono un ortaggio molto apprezzato che si adatta in diverse ricette. Tra le tante preparazioni con questo ortaggio spiccano quelle in cui è ripieno e cotto al forno o alla brace, e quella in pinzimonio. Proprio quest’ultima è un esempio di come si possa portare in tavola una ricetta semplicissima ma scenografica. Gli ingredienti per preparare questo piatto sono: carciofi lessi, limone, olio e sale. Altre portate con carciofi possono essere zuppe, minestri, torte salate e la nota ricetta dei carciofi alla giudia.
Pulire il carciofo può sembrare difficile, ma è tutt’altro. Per prima cosa procuriamoci dei guanti, ci serviranno ad evitare le varie punture procurate dalle spine e a prevenire il fastidioso annerimento sulle dita delle mani. Una volta immerso del limone in una ciotola d’acqua, vi immergeremo pian piano i carciofi puliti e tagliati, prevenendo l’ossidazione degli stessi. Per pulirli basterà tagliare le foglie più esterne, quindi più dure, fino ad arrivare al cuore tenero e più chiaro. Il taglio va effettuato con una lama liscia a metà dell’altezza dell’ortaggio. Più facile di quello che si pensi quindi.

Varietà di carciofi:
In Italia ci sono diverse zone in cui viene coltivato il carciofo, principalmente in Sicilia, Sardegna e Puglia. Hanno ottenuto l’indicazione Geografica Protetta (IGP) le due varietà “Tondo di Paestum” e “Mammola romanesca”, mentre allo “Spinoso di Sardegna” è stata riconosciuta la Denominazione di Origine Protetta (DOP).
Tra le tantissime specie di carciofi coltivate nel mondo vanno differenziate quelle con le spine e quelle senza. Alla prima categoria appartengono lo spinoso sardo con la sua spina terminale grossa e giallastra, lo spinoso di Palermo con una forma più ovoidale e lo spinoso di Liguria. Quelli senza spine, invece, sono il romanesco dai grossi capolini sferici, il violetto di Toscana che è più primaverile, il violetto di Catania, Il violetto di Provenza che fiorisce tutto l’anno, ed il precoce di Chioggia.

Benefici:
Il carciofo è molto ricco di ferro e fibre (quest’ultime coprono il 20% del fabbisogno giornaliero), essenziali nell’assimilazione di alcuni sali minerali come calcio e magnesio. In questo ortaggio possiamo trovare anche elevate quantità di vitamine A, B1, B2, B9, quest’ultima importante per il rinnovo delle cellule, e vitamina C. Altre sostanze benefiche contenute nei carciofi sono la cinarina, stimola la secrezione biliare e lenisce le lesioni epatiche, e l’inulina, uno zucchero perfettamente tollerante per i diabetici. L’assunzione di carciofi favorisce l’eliminazione di trigliceridi e del colesterolo, depurando anche il fegato.
Mangiati crudi, al naturale, i carciofi sono ortaggi poco calorici: 100 g apportano solo 22 kcal. La maggior parte dell’energia è data dalle proteine e dai carboidrati che sono rispettivamente il 2.7% ed il 2.5% del peso.

Piccola curiosità:
Esistono diverse storie, mitologiche e non, legate al carciofo. Tra quelle mitologiche troviamo Giove innamorato di Cynarauna che viene trasformata in una pianta di carciofo. Tornando in tempi più moderni, Pablo Neruda ha dedicato un poema a questo ortaggio: “Oda a la alcachofa” (Ode al carciofo). Mentre in California, in passato, esisteva un concorso di bellezza dove veniva incoronata addirittura Miss Carciofo, competizione vinta nel 1946 da Marilyn Monroe.


Leggi tutte le ricette con carciofi

Ricette con i carciofi

LE MIGLIORI RICETTE DA PREPARARE CON i carciofi

Guide correlate

QUALCHE UTILE CONSIGLIO PER PREPARARE i carciofi

Ricette con carciofi

Ultime ricette con l'ingrediente carciofi