Stai leggendo la guida Come pulire e sbucciare i fichi d'India

Come pulire e sbucciare i fichi d’India

Il fichi d’ India sono dei frutti dolci dal piacevole sapore. Con la loro colorazione che va dal giallo-arancione fino al rosso-viola, sono stati a lungo alla base dell’alimentazione messicana, loro paese d’origine. Oggi ormai i fichi d’India sono diffusi in Asia, in Australia, in America, in Africa e nel Mediterraneo (dove troviamo persino la varietà DOC del Fico d’India dell’Etna), e richiesti per le loro caratteristiche esotiche ma soprattutto salutari.

I frutti del fico d’India sono infatti molto ricchi di fruttosio, glucosio, calcio, fosforo e vitamina C, e considerati dei potenti antiossidanti grazie alla betadina ed all’indicaxantina che contengono. I loro semini (commestibili ma un po’ duretti) abbondano di proteine e lipidi. Ma lo sapevate che di questo magnifico frutto si trae beneficio anche dalle foglie e dai suoi fiori? Avete letto bene, del fico d’India non si butta praticamente quasi niente.

Ricapitolando: sono molto colorati, dolci, esotici e salutari. Perfetti quindi.

Come si puliscono i fichi d’india

Prima di ogni cosa ricordatevi che i fichi d’India hanno le spine, (quindi dobbiamo pelare i fichi d’ India)spesso non visibili ad occhio nudo, per cui fate molta attenzione quando li toccate! Se il vostro intento è quello di raccoglierli direttamente dalla pianta beh allora munitevi di guanti (molto spessi) e prendete solo quelli giunti ad una completa maturazione (non potete sbagliarvi, dovranno essere di un bel colore acceso e nel periodo che va tra luglio ed agosto). In alternativa potrete sperare che qualcuno si sacrifichi cogliendoli per voi oppure dovrete passare direttamente all’acquisto.

Qualunque sia stata la vostra scelta una volta che avrete i vostri fichi d’India a casa, per pulirli potrete procedere in questo modo:

  • Fase 1: Procuratevi una ciotola che possa contenerli tutti, un colino, un tagliere, una forchetta ed un coltello.
  • Fase 2: Aiutandovi con il colino, posizionate i frutti all’interno di esso e passateli sotto acqua corrente per qualche minuto in modo da pulirli. Successivamente metteteli in ammollo in una ciotolina per almeno un’ora, passaggio che servirà ad ammorbidire le sue tanto odiate spine prima di poterle rimuovere. Di tanto in tanto ricordatevi di girateli aiutandovi magari con la forchetta.1 fichi d india nell acqua
  • Fase 3: Arrivati a questo punto avrete bisogno del tagliere su cui disporli, della forchetta e del coltello invece per rimuovere le bucce. Prendete quindi la forchetta ed infilzatela proprio al centro del fico d’India, tenendola ben ferma. Procedete ora col coltello, tagliando le due estremità del frutto. Fate un taglio longitudinale, che passi da un lato ad un altro della buccia.2 tagliare fichi d india
  • Fase 4:  Sollevate i lembi dell’incisione e tirandoli verso il basso separate la polpa del frutto dalla buccia.
    3 spellare

Continuate in questo modo per pulirli tutti. Una volta sbucciati tutti i fichi, avvolgete tutte le bucce in una carta di giornale e provvedete a gettarle via.

fichi d india spellati

Come si mangiano i fichi d’India

La fase decisamente migliore è quella in cui si mangiano. Tagliati a fette, a cubetti, portati in tavola come spiedini o addentandoli direttamente, il fico d’India può essere consumato con i semini oppure scartandoli (questo è un lavoro meticoloso che vi porterà via un po’ di tempo e pazienza).

Non dimentichiamo che sono un frutto a tutti gli effetti e proprio per questo possiamo gustarli in qualsiasi momento della giornata: colazione, spuntino, dopo pranzo oppure dopo cena. Una volta ripuliti dalla buccia possono essere portati al lavoro, in palestra ed al parco, chiudendoli semplicemente in un pratico contenitore per alimenti. Tenerli sempre a portata di mano non è poi così difficile! Ricordatevi però di non abusarne: i fichi d’India infatti possono provocare dei blocchi intestinali se mangiati in grosse quantità.

Come si conservano i fichi d’India

Se vi state ponendo il problema della conservazione, niente paura, vari sono i modi in cui possono essere conservati questi frutti. E’ possibile infatti usarli per preparare strepitose confetture, gelatine, adorabili liquori, magnifici sorbetti, caramelle e gustose mousse. La tradizione siciliana vuole ad esempio che con essi si prepari uno sciroppo molto particolare, utilizzato per la preparazione di tipici rustici.

Insomma, c’è sempre un modo invitante per conservarli e consumarli. Ed in Messico? Lo sapete che lì utilizzano le pale (le foglie piatte e spinose della pianta per intenderci) per consumarle in salamoia, sulla piastra, fritte, sottaceto e candite?

Ricette correlate

tante ricette per usare i fichi d'india

Scheda ingrediente

LEGGI INFORMAZIONI INTERESSANTI SUI fichi d'india
Fichi d’india

Fichi d’india

I fichi d’ india: cosa sono I fichi d’ india( Opuntia ficus-indica) sono i  golosi frutti  di una pianta che appartiene alla [...]