Come realizzare scritte di cioccolato

Come realizzare scritte di cioccolato

È uno dei metodi più semplici, e allo stesso tempo più ostici, con cui decorare una torta: elegante e raffinata quando ben eseguita – e terribilmente sciatta quando non operiamo correttamente – la scritta di cioccolato ci permette di mettere la firma su una torta o una preparazione dolce, personalizzando un messaggio e completando l’aspetto scenico. Vediamo come fare scritte di cioccolato alla perfezione.

Scritta di cioccolato, le basi

Per fare una scritta al cioccolato perfetta bastano pochissimi ingredienti e accessori: ovviamente, il primo elemento è il cioccolato fondente, che deve essere portato a fusione. E poi dobbiamo preparare gli attrezzi per stendere la nostra scritta sul dolce, e quindi un sac à poche o un foglio di acetato, e qualcosa che renda il più possibile precisa la nostra scritta, ovvero una stampante, dei fogli di carta formato A4 e un foglio di carta forno, senza obbligo di acquistare caratteri di cioccolato già pronti.

Gli errori da evitare

Il problema più grande che possiamo incontrare nell’eseguire scritte al cioccolato a mano libera è non avere la giusta dimestichezza, polso fermo e sicurezza: questo ci espone a commettere errori (non grammaticali, almeno si spera!), a non mantenere la giusta inclinazione delle lettere o la corretta spaziatura tra i caratteri, a ritrovarci la base neutra sbavata di antiestetici segni, o ancora di avere delle scritte completamente decentrate.

Come realizzare scritte di cioccolato perfette in casa

Fare scritte con il cioccolato fuso in realtà può essere davvero semplice, superate le remore iniziali e facendo giusto un po’ di pratica. Ciò che ci serve innanzitutto è uno spunto grafico, che possiamo trovare online oppure direttamente dal nostro ingegno e gusto: basta cercare una frase già scritta sul web, scaricare l’immagine e stamparla, oppure aprire un documento word e scrivere direttamente e in modo più personale la frase o l’espressione che vogliamo trasferire sulla torta.

Che sia un semplice “Auguri”, “Buon compleanno”, oppure che contenga il nome del festeggiato o una frase personalizzata, con questo sistema possiamo impostare tutti i parametri, forme e misure di quello che riporteremo sul dolce o sulla torta.

Possiamo infatti scegliere il carattere che ci soddisfa di più, determinare la grandezza delle lettere in base alle dimensioni della torta, settare altri dettagli come la formattazione: una volta completata questa operazione, dobbiamo solo scrivere ciò che abbiamo in mente e stamparlo sul foglio A4, badando che le dimensioni del lettering siano appropriate alle forme e alle misure della torta.

Usare un foglio stampato come guida

Il foglio stampato con la scritta sarà la nostra guida per non fare errori con la decorazione al cioccolato e per fare le prime prove per “prendere la mano”: posizioniamo semplicemente il foglio su una superficie piana o su un tavolo di lavoro regolare, e sovrapponiamoci il foglio di carta da forno, ritagliato delle dimensioni di un foglio A4. Avremo una traccia semplice da seguire, con la trasparenza del foglio di carta forno che ci consente di intravedere la scritta stampata, che andremo a ricalcare con il nostro cioccolato fuso.

Oltre che per scrivere parole o espressioni, possiamo con questa tecnica anche ricalcare stelle, fiori, cornici o altre forme con cui decorare i nostri dolci, acquisendo la giusta esperienza e confidenza per poter poi procedere anche a mano libera.

 

Come sciogliere e temperare il cioccolato

Ora abbiamo completato tutte le operazioni preliminari e dobbiamo passare alla fase più pratica e delicata, quella della scrittura con il cioccolato. Per avere un risultato finale pulito e senza grumi dobbiamo innanzitutto sciogliere il cioccolato in maniera ottimale, e poi eventualmente temperarlo per un tocco più professionale e un effetto più lucido.

Per sciogliere il cioccolato possiamo usare vari metodi, a cominciare dai più comuni: a bagnomaria o nel microonde. Se procediamo con il bagnomaria dobbiamo preparare due pentole di dimensioni differenti: riempiamo la più grande d’acqua e posizioniamola sul fornello, facendo salire la temperatura; nel pentolino più piccolo, che faremo riscaldare nella pentola grande, metteremo il cioccolato tagliato a cubetti o scaglie piccole, mescolando con delicatezza con un cucchiaino per evitare la formazione dei grumi.

Sono due le regole da rispettare con questa tecnica: non fondere mai il cioccolato a contatto diretto con la fonte di calore (per questo si usa l’intermediazione dell’acqua e dei fumi del vapore) e non far entrare il cioccolato in contatto con l’acqua. Uno scioglimento a temperatura troppo elevata indurisce e sbriciola il cioccolato, mentre l’acqua è nemica del burro di cacao e potrebbe creare una patina sulla superficie del cioccolato, grumi e consistenza pastosa.

Se invece vogliamo velocizzare l’operazione basterà prendere una ciotola adatta alla cottura in microonde e mettervi dentro il cioccolato spezzettato: mettiamo per un paio di minuti nel forno a microonde a una temperatura media, facendo attenzione a non bruciare il cioccolato, e mescoliamo per rendere omogeneo il composto.

Quando sarà completamente fuso, possiamo provare a temperare il cioccolato stendendolo su un tavolo  o su un piano da lavoro di acciaio e lavorandolo con una spatola finché non si intiepidisce: in questo modo sarà lucido e perfetto per le nostre scritte.

Le operazioni di scrittura con il cioccolato

L’alternativa più pragmatica (e meno professionale) è far intiepidire il cioccolato fuso in una ciotolina per qualche minuto prima di posizionarlo nel nostro sac à poche: ciò che conta è che la consistenza sia densa e omogenea. Poi potremo riempire correttamente la sacca, mettendola magari dentro a un bicchiere dal calice lungo che sosterrà il peso del cioccolato e ci consentirà di operare con più serenità, usando entrambe le mani.

Il beccuccio della sacca deve essere piccolo – possiamo anche realizzare noi un piccolo taglio con le forbici in punta, se usiamo sac à poche chiusi. Ora dobbiamo solo scrivere e completare la nostra decorazione, pressando delicatamente e tenendo la punta a poca distanza dalla torta o dal foglio guida.

Se scriviamo sul foglio di carta da forno, una volta che il risultato ci soddisfa dobbiamo solo posizionare il foglio su una teglia piana e lasciarlo raffreddare in frigo per almeno un quarto d’ora; trascorso questo tempo, sarà facile staccare le lettere di cioccolato dalla carta da forno, posizionandole in maniera precisa sulla torta.

Quale cioccolato utilizzare per le decorazioni e scritte

Per fare scritte di cioccolato possiamo utilizzare ogni tipo di cioccolato, rispettando però alcune “regole”. Ad esempio, se la torta è completamente nera o rivestita di cacao dovremmo usare rigorosamente un cioccolato fondente per un effetto ton-sur-ton, come nell’emblematico caso della scritta Sacher sulla Sacher Torte, ma in realtà possiamo anche azzardare un contrasto con il cioccolato bianco.

Il cioccolato a latte andrebbe usato solo per torte e dolci dai toni chiari – anche per evitare di sovrastare il gusto con il fondente – e può essere anche mescolato a pezzi di cioccolato bianco per creare un effetto cromatico più particolare.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità.