Come preparare una gelatina per lucidare

Come preparare una gelatina per lucidare

Capita a volte di non avere idee su come decorare le torte, oppure di aver voglia di cambiare un po' e provare qualcosa di differente dalla classica panna montata o con la pasta di zucchero: oggi vedremo insieme come preparare una gelatina per lucidare la superficie delle torte e ottenere un effetto davvero professionale, che farà brillare la vostra preparazione.

La gelatina per rendere più lucide le torte e le crostate

In linea di massima, la gelatina rappresenta una soluzione perfetta per dare un tocco lucido a dolci come le crostate o le cheesecake, ma è molto usata anche per ricoprire torte alla frutta e mostrare "a nudo" gli ingredienti scelti. Il dessert più famoso in questo senso è forse l'aspic di frutta, che è composto in larga parte da gelatina che mantiene al suo interno i frutti di bosco o l'altra frutta che abbiamo deciso di utilizzare.

Il tocco estetico ai nostri dolci con frutta

Non bisogna mai trascurare infatti l’estetica del dolce, perché ogni dessert deve essere prima assaporato con gli occhi e poi col palato ed è proprio l'approccio visivo che invita e invoglia a mangiare il dolce. Per torte e pasticcini guarniti con frutta fresca, le soluzioni classiche per il trattamento e la conservazione della frutta sono essenzialmente due: spolverare con zucchero a velo o con la gelatina.

Le funzioni della gelatina per dolci

A fronte dei limiti dello zucchero a velo (che è igroscopico e quindi si scioglie con l'umidità in poco tempo), l'alternativa della gelatina è il trattamento più efficace per lucidare le torte e conservare la frutta. Sono infatti questi i due scopi raggiunti con l'utilizzo di questo ingrediente, che preserva la frutta con uno strato che protegge dall’ossidazione e allo stesso tempo la rende brillante e ancor più accattivante.

Le tipologie di gelatina

Con il termine generico gelatina si fa riferimento a un dolce sotto forma di gel, usato per creare una copertura trasparente sulla frutta utilizzata nei dessert e per addensare le coperture. Le gelatine in commercio si dividono in quelle a freddo e nelle più comuni gelatine a caldo, e si possono trovare sotto forma di polvere o in fogli, concentrato aromatizzato solido gelatinoso.

Come usare le gelatine a caldo

Le gelatine a caldo si attivano, per così dire, grazie all'effetto termico e necessitano di una diluzione in acqua; si dividono in tre tipologie a seconda della forma del prodotto, che può essere in pasta, in polvere o in fogli. La gelatina in pasta può essere neutra o già aromatizzata al gusto di frutta, è pratica da usare e in genere è venduta in secchi o barattoli, ma si può preparare anche in casa: per sciogliere il prodotto serve di solito una quota di acqua superiore al 50 per cento rispetto al peso della gelatina.

Comode sono anche le gelatine in polvere, disponibili sia neutre che già zuccherate: per usarle basta aggiungere acqua (anche in questo caso, la proporzione è indicata sulla confezione) e portare il composto alla temperatura giusta, prima di versarlo sulla superficie del nostro dolce.

Lucidare le torte con la colla di pesce o gelatina in fogli

La forma più comune è comunque quella della gelatina alimentare in fogli, nota anche come colla di pesce, che è la soluzione più pratica per lucidare i dolci fatti in casa con frutta fresca: per il procedimento giusto di utilizzo della colla di pesce, puoi leggere la nostra guida specifica.

I consigli pratici per l'utilizzo

Per tutti e tre questi tipi di gelatine a caldo vale lo stesso consiglio: prima di versare la gelatina su torte, crostatine o pasticcini bisogna attendere che sia tiepida, e poi è importante distribuire il composto in modo uniforme, aiutandoci con un cucchiaino per evitare di lasciare zone scoperte ed esposte.

Come usare le gelatine a freddo o spray

Passiamo alle gelatine a freddo, che invece sono già pronte all'uso: in commercio si trovano in barattolo o secchiello, oppure ancora più comodamente in bottiglietta spray, per indirizzare in modo facilissimo la gelatina sulle nostre preparazioni. Se invece scegliamo la versione compatta, prima di usarlo bisogna rompere la struttura gelatinosa per fluidificare il composto, aggiungendo eventualmente piccole quantità d'acqua se l'ingrediente risultasse troppo denso.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità.