Sedano

Sedano
Sedano

Che cos’è il sedano

Considerato quasi il re dell’orto, il sedano è un vegetale che appartiene alla specie erbacea delle Apiacee, e il suo nome scientifico è Apium graveolens; cresce in modo spontaneo nei posti paludosi ed erbosi, e le sue dimensioni possono raggiungere quasi il metro di altezza, con un fusto eretto e scanalato. Le foglie del sedano sono di un verde intenso, pennate o bipennate, a forma di rombo e con margine tipicamente seghettato, mentre invece i fiori sono biancastri e con peduncoli robusti; molto importante anche la radice, che è un fittone e, in alcune specie, è commestibile.

 

Storia del sedano

Fino al Sedicesimo secolo, il sedano era considerato esclusivamente una pianta medicinale, secondo una tradizione che comincia nell’antichità e trova riscontro anche nell’Odissea (Achille lo utilizza per guarire il proprio cavallo da una grave malattia): per i Greci, infatti, il “selinon” era una pianta sacra, rappresentata anche sulle monete della città sicula di Selinunte, e il celeberrimo medico Ippocrate lo consigliava come alimento benefico per curare i nervi sconvolti. I Romani, invece, mangiavano le foglie più tenere unendole con olio e sale, mentre con le rimanenti preparavano corone per cingere il capo dei commensali e prevenire l’ebbrezza alcolica con il loro aroma. A partire dal Cinquecento, poi, comincia la coltivazione del sedano per uso domestico negli orti dei monasteri, mentre come alimento trova grande sviluppo a seguito della peste del 1600 in Sicilia. In tutta l’epoca moderna (e fino all’Ottocento), il sedano si conquista inoltre una fama notevole come potente afrodisiaco e stimolante erotico.

 

Varietà di sedano

Le tipologie di questa pianta sono numerose, ma in cucina sono utilizzate principalmente due varietà, ovvero il sedano da costa e il sedano rapa. Nel primo caso, il Apium graveolens dulce presenta il tipico aspetto con fusto lungo e cima con le foglie larghe e carnose, mentre invece l’Apium graveolens rapaceum è un ortaggio da radice, che ha una forma sferica di colore bianco particolarmente sviluppata, con un gusto meno intenso rispetto all’altra tipologia. Ricordiamo infine la sedanina, che invece è più amara.

 

Utilizzi in cucina del sedano

Grazie al suo aroma intenso, il sedano è un ortaggio molto utilizzato in cucina, anche nella tradizione gastronomica italiana, per migliorare e rendere uniche un’ampia gamma di ricette salate, oltre che per offrire un tocco e un sapore originale ad alcuni piatti. Per fare alcuni esempi, il sedano è ottimo per il brodo, di carne o vegetale, così come per minestre e zuppe; si rivela un’aggiunta valida alle insalate, è uno degli ingredienti base del tipico ragù, accompagna alcuni tipi di carne e pesce, ma può essere servito anche da solo, semplicemente condito di olio, sale e pepe. Dal punto di vista nutrizionale, gli esperti consigliano di cuocere il sedano a vapore o stufarlo per non alterare le caratteristiche di sapore e le proprietà vitaminiche; il consumo a crudo, prima dei pasti o nel tradizionale pinzimonio, risulta benefico per la digestione.

 

Proprietà del sedano

E andiamo dunque a osservare da vicino le qualità benefiche di questo ortaggio, cominciando dal limitato contenuto calorico e dalle capacità disintossicanti: una porzione di 100 grammi di sedano, infatti, fornisce solo 20 chilocalorie al nostro organismo, mentre al contrario è elevato l’apporto di elementi positivi come acqua, vitamina A e potassio, che agevolano il controllo del peso e la giusta depurazione. Questo però è solo uno dei motivi per i quali i nutrizionisti consigliano sempre di inserire il sedano nelle diete dimagranti: approfondendo l’analisi, infatti, scopriamo anche che questo ortaggio è in grado di contrastare i grassi nocivi, depurare l’organismo e combattere la ritenzione. Merito soprattutto delle fibre, che aiutano a ridurre trigliceridi e colesterolo, del mix vitaminico (oltre a quelle del gruppo A, riscontriamo anche vitamine B, C e K, che lo rendono un prezioso alleato contro infiammazioni e stati influenzali), dei sali minerali e di altri elementi davvero benefici per la nostra salute, come in particolare gli antiossidanti che combattono i radicali liberi e svolgono azioni di tipo protettivo per le nostre cellule. L’aromatica sedanina, poi, insieme alle altre molecole presenti, consente di potenziare le capacità digestive e di migliorare l’assorbimento di gas nel nostro apparato digerente, mentre i fitonutrienti, tengono sotto controllo gli ormoni che regolano la pressione del sangue, dimostrandosi un valido rimedio ai casi di ipertensione. E non è ancora finita: secondo specifici studi condotti su questo ortaggio, mangiare sedano protegge il cuore e previene attacchi di ictus, perché aumenta le difese del sistema circolatorio, e rappresenta un ottimo calmante naturale per i nervi e per rilassare il corpo, grazie all’apporto di calcio; in pratica, si conferma quello che sosteneva Ippocrate migliaia di anni fa. A proposito di credenze popolari antiche, anche l’influenza del sedano sulla sfera sessuale è stata in qualche modo certificata: in questo ortaggio sono infatti presenti gli ormoni steroidi delta-16, che stimolano l’attività delle ghiandole surrenali e sessuali.

 

Leggi tutte le ricette con sedano

RICETTE IN RILIEVO

LE MIGLIORI RICETTE DA PREPARARE CON il sedano

GUIDE CORRELATE

QUALCHE UTILE CONSIGLIO PER il sedano

Ricette con sedano

Ultime ricette con l'ingrediente sedano

Preparazione Preparazione: 25 min Cottura Cottura: 10 min
Preparazione Preparazione: 20 min Cottura Cottura: 25 min
Preparazione Preparazione: 1 ora e 30 min Cottura Cottura: 25 min
Preparazione Preparazione: 1 ora e 15 min Cottura Cottura: 20 min
Preparazione Preparazione: 30 min Cottura Cottura: 1 ora
Preparazione Preparazione: 40 min Cottura Cottura: 30 min

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità.