Stai leggendo la ricetta Lingue dolci di Procida

Lingue dolci di Procida

4.8/5 VOTA
Lingue dolci di Procida
Lingue dolci di Procida
  • preparazione: 20 min
  • cottura: 30 min
  • totale: 50 min
Dosi per
  • 4 persone

Le lingue dolci di Procida, dette anche lingue di bue, sono una tradizionale ricetta appunto della bellissima isola di Procida! Vengono preparate con due strati di pasta sfoglia, farcite con della gustosa crema pasticcera aromatizzata al limone e ricoperte con dello zucchero per rendere la loro superficie bella croccante.
Durante un mio weekend procidano (dopo il quale ho scritto anche un articolo su cosa mangiare a Procida) le ho adorate, si trovano praticamente in ogni bar e, nel b&b in cui soggiornavo, le servivano in sostituzione del cornetto a colazione.
Se per voi la meta è un po' troppo distante allora potete preparare queste lingue dolci direttamente a casa, così da portare un po' di trazione procidana anche nella vostra città!
Io e Ivano oramai siamo andati in fissa per queste lingue ed che alla fine mi sto trovando a preparlemolto spesso, anche perché sono facilissime da realizzare ;)

Procedimento

Come fare le lingue dolci di Procida

Lavorate con una frusta i tuorli con lo zucchero e la farina.
Aggiungete successivamente il latte e riprendete a lavorare.
1 uova farina latte

Trasferite il tutto in un pentolino con la buccia di limone e fate addensare mescolando.
Mettete la crema in una ciotola, ricopritela con della pellicola a contatto e lasciatela riposare.
2 scaldare in un pentolino

Intanto stendete la pasta sfoglia e, utilizzate la sagoma di una lingua di carta forno, per tagliarla.
tenete presente che ogni lingua sarà composta da 2 sfoglie.
3 tagliare pasta sfoglia

Mettete metà delle lingue ottenute in una teglia rivestita di carta forno, farcitele quindi con la crema lasciando liberi i bordi.
Aggiungete una seconda sfoglia per richiudere e spennellate le lingue con l'albume.
4 spennellare con il latte

Spolverizzate la superficie con lo zucchero e cuocete in forno a 200 °C per 20 minuti, o fin quando non si doreranno.
5 cuocere in forno

Le vostre lingue dolci di Procida sono pronte per essere gustate.
lingue di procida
lingue-di-procida

TAGS: Ricette di Lingue dolci di Procida | Ricetta Lingue dolci di Procida | Lingue dolci di Procida 

Lascia un commento
Lascia il tuo commento se hai provato la ricetta, se vuoi un chiarimento prima di cimentarti nella realizzazione del piatto o semplicemente per lasciare il tuo saluto.
Vota la ricetta:

I vostri commenti

Lascia il tuo commento su Lingue dolci di Procida
  1. Commento di Misya — 21 giugno 2018 @ 12:05 pm

    @Rita Ferraris Mi fa molto piacere che ti siano piaciute, grazie mille per il messaggio!

  2. Commento di Rita Ferraris — 21 giugno 2018 @ 11:59 am

    Fatte domenica…..ottime come tutte le tue ricette…Bacini

  3. Commento di Misya — 5 febbraio 2018 @ 11:09 am

    @adele Grazie mille e un milione di baci anche a te!

  4. Commento di adele — 4 febbraio 2018 @ 6:04 pm

    Misya grazie.Le ho fatte ieri e le ho portate oggi in tv e hanno fatto furore.Sei sempre la migliore…Grazie mille.Domenica prossima preparerò un mix dei tuoi dolci di carnevale….Baci

  5. Commento di Adele cinti — 1 febbraio 2018 @ 10:38 am

    Ciao Misya.Queste lingue di Procida mi ispirano.Posso farle sabato mattina x servirla domenica pomeriggio x una merenda?Grazie….

  6. Commento di Misya — 8 gennaio 2018 @ 12:06 pm

    @Monica Grazie a te per il messaggio!

  7. Commento di Monica — 4 gennaio 2018 @ 10:58 pm

    Le ho preparate questa sera, ottime veramente!!!😋😋😋grazie Misya!😊

  8. Commento di Marisa — 29 settembre 2017 @ 12:18 am

    Ciao Misya. .buonissime queste lingue dolci. ..Mi piacciono da fare..ti abbraccio e bacini a Elisa ciaooooooo

  9. Commento di MONICA ELENA — 28 settembre 2017 @ 4:51 pm

    @sandra Io le ho viste metà coperte col cioccolato qui da noi a genova e le chiamano Lingue di suocera. la crema dentro però é diversa, tipo chantilly

  10. Commento di Misya — 26 settembre 2017 @ 9:08 am

    @Annamaria76 Nemmeno io sapevo che si trovasse anche in Sardegna! Grazie mille per gli auguri 😉