Pesche sciroppate

Ricetta Pesche sciroppate di  del 19-08-2013 [Aggiornata il 05-04-2019]
4.5 /5 VOTA

Le pesche sciroppate sono una conserva che adoro, ma quelle comprate sono troppo molle e zuccherose quindi quest'anno ho deciso di farmele da me e aromatizzarle alla vaniglia. Certo la ricetta di oggi non è proprio un dolcetto ma una bella cosa dolce di sicuro ;) Io sono ancora in ferie per qualche giorno, mi sto godendo gli ultimi giorni di mare e di pita gyros prima di ritornare nel caos della mia città e del lavoro, ma oggi sono ancora in vacanza e preferisco non pensarci. Vi auguro un dolce lunedì e se quest'anno volete provare a fare le pesche sciroppate in casa, questa e' la ricetta che vi propongo io, e se invece volete sapere come sterilizzare i vasetti per fare le conserve, leggete questa piccola guida, bacini e buon lunedì ;)

  • Tempo di preparazione preparazione: 20 min
  • Tempo di cottura cottura: 40 min
  • Tempo totale totale: 1 ora
Pesche sciroppate
Pesche sciroppate
Procedimento

Come fare le pesche sciroppate

Lavate e sbucciate le pesche.
1

tagliate le pesche a metà, poi togliete il nocciolo e tagliate ancora in 2 parti.
2

Ponete le pesche nei vasetti di vetro
3

Preparate ora lo sciroppo
Versate in una casseruola l'acqua e lo zucchero,aggiungete una stecca di vaniglia e fate bollire per una decina di minuti.
4

una volta pronto lo sciroppo, versatelo sulle pesche poste nei barattoli, fino a ricoprirle completamente. Spezzettate la stecca di vaniglia e aggiungete la nei tre vasetti.
5

Agitate i vasetti per far fuoriuscire eventuali bolle d'aria, e chiudeteli ermeticamente, poi capovolgeteli e lasciateli raffreddare.
Prendete una pentola capiente e alta sistematevi all'interno un canovaccio pulito e adagiatevi i vasetti avendo cura di dividerli uno dall'altro con il canovaccio in modo che durante la bollitura non si rompano urtandosi.
Riempite la pentola di acqua fino a ricoprire completamente i vasetti,ponete la pentola sul fuoco e fate bollire i vasetti per mezz'ora.
6

Dopo mezz'ora spegnete il fuoco e aspettate che i vasetti si raffreddino, nella pentola, poi estraeteli, asciugateli, etichettateli e riponeteli in un luogo buio e fresco.
pesche-sciroppate
Consumate le pesche dopo un mese.

Ricette correlate

Ricette simili a Pesche sciroppate

Raccolte di ricette

Ricettari con Pesche sciroppate

Lascia un commento

Lascia il tuo commento se hai provato la ricetta, se vuoi un chiarimento prima di cimentarti nella realizzazione del piatto o semplicemente per lasciare il tuo saluto.

Vota la ricetta:

I vostri commenti

Lascia il tuo commento su Pesche sciroppate

  1. Misya
    Commento di Misya 28 Agosto 2019 11:20 am

    @federica ciao cara, si può andar bene anche quella!

  2. Misya
    Commento di Misya 28 Agosto 2019 10:54 am

    @luana sisi

  3. Utente
    Commento di Federica 27 Agosto 2019 6:59 pm

    Buona sera, Misya ciao sono Federica,tua fan delle tue ricette 😋,ma la vaniglia se la metto in polvere è uguale? Fammi sapere grazie mille

  4. Utente
    Commento di luana 19 Agosto 2019 5:08 pm

    Non ho mai fatto conserve, ma adesso ho le mie pesche…tante. ho un dubbio quando metto i vasetti a bollire in pentola l’acqua li deve ricoprire completamente anche il coperchio? grazie

  5. Misya
    Commento di Misya 11 Luglio 2017 9:59 am

    @MADDALENA Basta che non sia proprio bollente.

  6. Utente
    Commento di MADDALENA 8 Luglio 2017 3:39 pm

    Ciao, ma lo sciroppo va messo caldo, oppure deve raffreddare?

  7. Utente
    Commento di J&P 26 Settembre 2016 3:23 pm

    Tra un mese ti aggiornerò!!!! Grazie!😁

  8. Misya
    Commento di Misya 26 Settembre 2016 9:26 am

    @J&P Poi fammi sapere!

  9. Utente
    Commento di J&P 25 Settembre 2016 2:21 pm

    Preparate ieri.. ora non resta che avere la pazienza di aspettare un mese!😅

  10. Misya
    Commento di Misya 25 Agosto 2015 10:55 am

    @Valeria Se vedi nell’ultima foto, si vede dello spazio sotto le pesche: anche a me tendono un po’ a “galleggiare”. Per ovviare a questo problema, vendono degli appositi dischetti con piedini che servono proprio schiacciare un po’ le conserve e mantenerle lontane dal coperchio. Il sottovuoto comunque lo si ottiene meglio dopo la bollitura.
    Le pesche vanno consumate non prima di un mese, perché devono avere il tempo di insaporirsi, ma essendo una conserva dovrebbe durare senza problemi fin dopo Natale 🙂

10 di 59 commenti visualizzati

Altre ricette di Conserve

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità.