Strascinati seppioline gamberi e carciofi

Ricetta Strascinati seppioline gamberi e carciofi di  del 11-03-2011 [Aggiornata il 08-03-2013]
4 /5 VOTA

Per questo fine settimana vi lascio la ricetta di un primo a base di pesce davvero super, gli strascinati (una pasta fresca, specialità della Basilicata ) con il sugo di seppioline, gamberi e carciofi. Da un pò di tempo, come qualcuna di voi ha notato dalle foto, sto preparando le ricette da casa di mia mamma poichè mi sono trasferita per un periodo a casa sua. Questo mi ha dato la possibilità di variare la selezione di ricette da inserire sul blog, piatti come la pasta e cavolo o pasta con i carciofi difatti sono banditi a casa mia perchè mio marito non è molto amante delle verdure e per sole 2 persone non vale la pena fare piatti separati, invece qui essendo in tanti si può tirar via un pò di pasta e fare un sugo a parte per chi ha i vizi :P Domenica infatti mentre io e i miei genitori divoravamo gli strascinati seppioline gamberi e carciofi mio marito ha preferito condire il su piatto di strascinati con il pesto... non immagina cosa si è perso ;)  Se siete amanti dei primi di pesce, provate questo primo piatto e ve ne innamorerete.

  • Tempo di preparazione preparazione: 20 min
  • Tempo di cottura cottura: 30 min
  • Tempo totale totale: 50 min
Strascinati seppioline gamberi e carciofi
Strascinati seppioline gamberi e carciofi
Procedimento

Come fare Strascinati seppioline gamberi e carciofi

Procedimento:

Pulire le seppioline eliminando le interiora e la cartilagine. Tagliare a metà e tenete da parte.
Pulire i carciofi dalle foglie esterne più dure e spuntateli fino a lasciare il cuore di ogni carciofo.
Tagliate i carciofi a fettine sottili e tenere da parte.

In un'ampia padella far appassire uno spicchio d'aglio nell'olio, aggiungere i carciofi.

Aggiungere ora le seppioline, salare, pepare,sfumare con il vino bianco e far cuocere per una decina di minuti.

Aggiungere infine i gamberi sgusciati ( tenete da parte qualche gambero intero per guarnire i piatti).

A cottura ultuimata aggiungere qualche pomodorino, spegnere la fiamma e coprire il sugo di seppioline gamberi e carciofi con un coperchio.

Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua salata. Scolate al dente e versare la pasta insieme al condimento.Far saltare gli strascinati seppioline gamberi e carciofi in padella a fuoco vivo per un paio di minuti.

Spegnere la fiamma e servire guarnendo ogni piatto con i gamberi interi.

Ricette correlate

Ricette simili a Strascinati seppioline gamberi e carciofi

Raccolte di ricette

Ricettari con Strascinati seppioline gamberi e carciofi

Lascia un commento

Lascia il tuo commento se hai provato la ricetta, se vuoi un chiarimento prima di cimentarti nella realizzazione del piatto o semplicemente per lasciare il tuo saluto.

Vota la ricetta:

I vostri commenti

Lascia il tuo commento su Strascinati seppioline gamberi e carciofi

  1. Utente
    Commento di KATIA 4 Marzo 2013 5:06 pm

    Ciao Misya, qualora non trovassi questo tipo di pasta fresca potrei utilizzare anche le trofie fresche?
    Grazie, ciao

  2. Utente
    Commento di KATIA 4 Marzo 2013 5:01 pm

    Davvero speciale! Non vedo l’ora di provarla!!
    Ottimo l’accostamento ingredienti.

  3. Utente
    Commento di angela 5 Marzo 2012 11:44 am

    vorrei fare gli stozzapreti con carciofi e gamberi, c’è chi mi da la ricetta?

  4. Utente
    Commento di angela 5 Marzo 2012 11:44 am

    vorrei fare gli stozzapreti co carciofi e gamberi, c’è chi mi da la ricetta?

  5. Utente
    Commento di Titti 15 Gennaio 2012 5:49 pm

    CiAo MIsYaAAA…OgGi hO PrEpArAtO QSt pRiMo PIaTtO,eD è RiUsCiTo pErFeTtAmENte…tT Si sOnO LeCcAtI I BaFfI!!! gRaZiE MilLe…Sei mItIcA!!!
    PS: cOmE FaCcIo a pArLaRe cOn Te??? BaCiNiIii<3

  6. Utente
    Commento di Marco Zaghi 21 Dicembre 2011 9:42 pm

    molto bella e sicuramente molto buona. non manchero’ di provarla. Ciao Marco

  7. Utente
    Commento di geaty 14 Giugno 2011 6:52 pm

    questa ricetta mi piace moltissimo , sembra proprio buona, come ho un po di tempo la faccio, grazie a te x tutte queste ricette, seguo il tuo blog dal belgio, mi sembra di essere tornata in italia il tempo della lettura delle tue ricette, un bacio

  8. Utente
    Commento di Angela 6 Aprile 2011 7:26 pm

    OK Misya, comunque, complimenti sei molto brava e fantasiosa,seguo il tuo blog.Ciao.

  9. Misya
    Commento di Misya 6 Aprile 2011 10:04 am

    xmarzia: mia nonna fa sempre lo stok con le patare, ma a me sto tipo di pesce proprio non va giù 🙂

    xrosita: lo hai fatto poi questo primo piatto?

    xanna e fiorella: e questo è davvero super

    xvittoria: ah se non ci fossero le mamme

    xcarla: io li prendo freschi della divella, sono facilmente reperibili

    xlucia: certo che puoi sostituirla, però se prendi quella fresca è meglio perchè il sugo attacca di più

    xliliana: pasta fresca e pesce fresco, ma in mancanda un buon pesce surgelato va benissimo 🙂

    xerika: poi dimmi se ti è piaciuta :*

    xasia: provata la ricetta? piaciuta?

    xLaura: certo 🙂

    xmiky: benvenuta cara 🙂

    xnjara: grazie, sei molto cara

    xalba: i cannoli siciliani sono semkpre stati un pallino… il problema non è tanto la ricetta ma trovare la ricotta siciliana. Prima o poi li farò 🙂

    xclaudia: eheh

    xelisa: sapevo che sarebbe piaciuta 😛

    xsandro: mmm.. sarà buonissima

    xrosanna: bene!

    xapina: ciao mari, simpatico questo nomino 🙂

    xangela: questi che voi in puglia chiamate cavatelli, i lucani li chiamano strascinati quindi nessun errore, solo un modo diverso di ciamare la stessa pasta:)

  10. Utente
    Commento di Angela 2 Aprile 2011 9:55 pm

    Ciao a tutte,le ricette sono tutte ottime. Proverò a fare questa ricetta che penso sia molto gustosa. Vorrei fare una precisazione: la pasta fresca della foto non si chiama strascinati, bensì cavatelli. Gli strascinati sono le orecchiette.
    I cavatelli si preparano con farina e acqua, si tagliano pezzi di pasta che poi si allungano facendo una leggera pressione con le mani. Si tagliano questi fili di pasta allungati in pezzi di 5 cm circa e poi si cavano( da cui il nome cavatelli)con tre dita.
    I cicatelli si preparano allo stesso modo ma i pezzetti sono piccoli circa 1 cm e si cava con un dito. Si accompagnano ai fagioli e altro. P.S.Io sono pugliese e queste cose le so bene. Ciao a tutte.

10 di 30 commenti visualizzati

Altre ricette di Crostacei

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sulle ultime novità.