Pulire i calamari, come il pesce in generale, è una delle operazioni che molti ritengono tra le più noiose in cucina e a volte anche complicate, ma in realtà è molto più semplice di ciò che sembra.
Sapere come pulire i calamari è indispensabile per gli amanti dei piatti di mare poiché con essi si possono realizzare numerose ricette come zuppe, frittura, calamari arrostiti, i calamari ripieni, le insalate di mare etc. tutte senza dubbio squisite. Il procedimento per pulire i calamari è idoneo anche per quanto riguarda i totani, quindi una volta imparata la tecnica possiamo anche riutilizzarla.
Una volta puliti i calamari possiamo poi tagliarli a tondini se dobbiamo fare la frittura, oppure lasciarli interi se dobbiamo farli ripieni, e così via in base alla ricetta scelta.

Lavate i calamari sotto l’acqua corrente
comepulireicalamari.jpGCon una mano afferrate la testa del calamaro e con l’altra il corpo, tirate delicatamente la testa in modo da determinare il distacco delle interiora.
Eliminate la conchiglia trasparente (il gladio)

dsc_0148.JPG

Eliminate la pelle e sciacquare il calamaro sotto l’acqua corrente per eliminare eventuali residui dalla sacca facendo attenzione a non romperla.

pulireilcalamaro-toglierepelle.JPG

Dalla testa del calamaro togliere il becco corneo che si trova al centro dei tentacoli con l’aiuto delle forbici.

pulirecalamaro-toglierebecco.JPG

Eliminate gli occhi e tutta la parte circostante ad essi sempre con l’aiuto delle forbici.

puliziadelcalamaro.JPG

Sciacquare sotto l’acqua fredda e utilizzare come previsto dalla ricetta
come pulire calamari

Ultime ricette con calamari

Alcune ricette che fanno uso di calamari tra gli ingredienti
 Ho assaggiato i paccheri con crema di patate e pecorino [...]
 Avevo il pallino di preparare le lasagne ai frutti di [...]
 Gli spiedini di calamari sono un secondo piatto semplice e [...]
 Ho mangiato i calamari con i friarielli ad un matrimonio [...]