Questo sito contribuisce alla audience di
Migliaccio

Il migliaccio è una ricetta tipica della tradizione napoletana: insieme alle chiacchiere e al sanguinaccio è uno dei dolci tipici del Carnevale. Tra le ricette di Carnevale il migliaccio è quella che preferisco. Questa è la ricetta di mia nonna: lei fa il migliaccio senza la ricotta, io la metto tra gli ingredienti, poi fate voi 😉 Ieri pomeriggio sono andata da mia nonna e abbiamo preparato insieme la ricetta del migliaccio, lei è la mia fonte per le ricette napoletane tradizionali ehehhehe!
Oggi a pranzo una bella fetta di lasagna per festeggiare il Carnevale e una di migliaccio… e cosa vuoi di più!

Ingredienti per uno stampo da 22 cm:
180 gr di semolino
500 ml di latte
300 ml di acqua
30 gr di burro
3 uova
270 gr di zucchero
buccia di 2 limoni
1 stecca di vaniglia
1 cucchiaio di essenza di vaniglia
1 cucchiaio di limoncello
buccia di limone grattugiata
buccia d’arancia grattugiata
200 gr di ricotta (opzionale)

Tempo di preparazione: 20 min
Tempo di cottura: 40 min
Tempo totale: 1 ora

Come fare il migliaccio napoletano

In una pentola dal fondo spesso versate il latte, l’acqua, il burro, la bacca di vaniglia, la scorza di 1 limone e 70 gr di zucchero.
1 pentolino con latte
2 pentolino con latte

Quando il latte ha raggiunto il bollore, abbassate la fiamma, sollevate la vaniglia e la buccia del secondo limone e versate a pioggia il semolino facendolo incorporare un po’ per volta.
3 aggiungere semolino
4 aggiungere semolino

Fate sobollire per qualche minuto mescolando di continuo con un cucchiaio di legno.
5 mescolare

Spegnete il semolino e lasciate intiepidire.
6 mescolare semolino

A parte lavorate le uova con lo zucchero, aggiungete la scorza grattuggiata di limone e arancia, l’essenza di vaniglia e il limoncello (e la ricotta setacciata se avete deciso di utilizzarla).
7 uova zucchero vaniglia
8 uova zucchero vaniglia

Versate la crema al semolino nel composto di uova e mescolate fino a formare un composto cremoso.
8 aggiungere semolino
9 amalgamare bene

Imburrate e infarinate una teglia e versate il composto al suo interno.
10 versare nella tortiera

Infornate il migliaccio a 180°C per 40 minuti circa o fino a che non avrà un colore bruno.
11 cuocere in forno

Lasciate raffreddare un paio di ore.
migliaccio

Tagliare il Migliaccio a fette e servite.
migliaccio ricetta
migliaccio napoletano

tag: migliaccio napoletano, ricetta migliaccio ,

Condividi ricetta su Facebook
Dolci, ricetta di Flavia Imperatore 5 stelle in base a84 voti

Ricette simili

Ricette simili o con gli stessi ingredienti di Migliaccio

Categorie ricetta

Tutte le categorie in cui è presente questa ricetta

Ricette per ingrediente

Elenco di ricette che utilizzano questi ingredienti

Spiacente, i commenti per questa ricetta sono chiusi.

84 commenti alla ricetta

Migliaccio
  1. *Vero* — 19 febbraio 2009 @ 10:25 pm

    ciao misya,
    niente foto in questa ricetta?
    comunque le tue ricette mi piacciono moltissimo!
    :)

  2. laura — 20 febbraio 2009 @ 9:30 am

    flavia flavia!! sei troppo una tentazione per la linea!! questa ricetta mi ispira tantissimo!! mi ada anche l idea di essere una bomba calorica… ma tanto buona!
    laura

  3. elax — 20 febbraio 2009 @ 10:18 am

    Da buon napoletana, ho sul fuoco il latte, e nel pomeriggio lo faccio.
    La ricetta che uso è spiaccicata alla tua,(sarà che è quella della mia nonna?), un paio di amiche aggiungo anche i capellini……blakt a me mi fanno n’attimino senso tu che ne dici?

  4. PlimPlum — 20 febbraio 2009 @ 5:31 pm

    Non c’entra niente maaa… avresti mica la ricetta della salsa guacamole da illustrarci?

  5. rosita — 23 febbraio 2009 @ 12:21 pm

    Questa ricetta mi mancava! Anche xché io come dolci di carnevale so fare solo le frappe!!
    Brava Misya, aspetto le foto!

  6. rosita — 24 febbraio 2009 @ 1:13 pm

    Scusa Misya, ora che ho visto le foto ho ancora più voglia di provarlo, ma volevo chiederti: ho una scatola di semolino x bambini (quello precotto) pensi vada bene o devo comprarne un altro tipo? Poi siccome non c’è la foto dopo la cottura volevo chiederti se la consistenza e l’aspetto sono quelli di una torta oppure di un budino: scusa l’ignoranza sulla cucina napoletana!!! Grazie, un bacio!

  7. Misya — 25 febbraio 2009 @ 11:38 am

    xvero: lacuna colmata…ho aggiunto l foto del procedimento per preparare il migliaccio :)

    xlaura: bomba calorica dici? naaaaaaaaaaaaa eheh

    xelax: cosa sono i capellini???

    xplimplum: per sabato ho previsto di fare una cena con ricette messicane, se riesco… faccio anche la guacamole! 😉

    xrosita: ho messo le foto.. ora puoi veder il migliaccio anche dall’interno 😉 la consistenza è quella di un budino molto sodo 😉 per il semolino invece.. beh mi trovi impreparata, io utilizzo quello della barilla, non so se va bene quello per i bimbi :(
    baci :***

  8. Nilli - Giulia — 25 febbraio 2009 @ 7:53 pm

    Ciao carissima!

    Qua a Viareggio il Carnevale è, ovviamente, molto sentito!
    Di dolci tipici ne abbiamo e ne cuciniamo spessissimo, ma questo proprio non lo conoscevo.

    Trovo sia una ricetta interessante e se ho tempo la preparerei Sabato.

    Ho una domandina scemascema: il diametro della teglia che tu usi qual’è, all’incirca?

    Te lo chiedo perchè immagino che la fetta non debba venire troppo alta.

    Ti abbraccio e mi permetto di mandare un bacino anche al tuo sposo… Buona serata!

  9. Corange — 2 marzo 2009 @ 3:06 pm

    Ciao Misya,
    ho scoperto per caso il tuo sito cercando la ricetta del migliaccio…spettacolare…tantissimi complimenti…Sabato ho realizzato questa tipica ricetta Campana ed è stato un esperimento riuscitissimo!!Io sono una napoletana trapiantata a Milano,ho fatto assaggiare il migliaccio alle mie colleghe milanesi che non sapevano nemmeno dell’esistenza di questo dolce…e indovina un pò???Un successone!!E’ piaciuto a tutte…Grazie mille!!
    P.S. ho intenzione di provarle tutte le tue ricette,tempo permettendo…mi farò risentire!!!
    Ciao Ciao e buona ricetta a tutti!!!

  10. Francesca Livia — 3 marzo 2009 @ 5:47 pm

    Ma lo sai che qua da me – in Toscana – il migliaccio è un dolce a base di farina di castagne? Infatti, a Firenze è più noto con il nome “castagnaccio”! 😮
    Lascio un link per darvi un’idea: http://www.saporetipico.it/ricetta.php?Nome=Castagnaccio%20Toscano

  11. lydia — 6 marzo 2009 @ 1:59 pm

    si confermo, toscana anch’io!

  12. Misya — 6 marzo 2009 @ 2:19 pm

    xgiulia: la teglia se non erro è da 28 cm :)

    xcorange:sono felice che ti sia piaciuta la ricetta del migliaccio , a presto :)

    xfrancesca e lydia: ecco, ho imparato una cosa nuova :) ogni regione chiama le cose in modo diverso, chissà però perchè ci sono degli omonimi con ricette completamente diverse 😛

  13. Amy — 13 marzo 2009 @ 5:45 pm

    Lo sapevo che dovevo “venire da te” per trovare questa ricetta, anzi la “giusta ricetta” ^_^
    Ora la provo!

  14. maria89 — 31 agosto 2009 @ 1:33 pm

    la tua ricetta e uguale alla mia pero io aggiungo la ricotta ed e buonissimooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooed e il dolce preferito di mia mammma

  15. rita — 10 febbraio 2010 @ 3:45 pm

    buonissimo è veramente squisito. in questi giorni lo fatto troppo buono .

  16. Cira — 15 febbraio 2010 @ 12:04 pm

    Ragazze io ho aggiunto anke la ricotta di roma e i canditi (ricetta della mia nonna)…davvero buona!!!!

  17. Cira — 15 febbraio 2010 @ 12:49 pm

    Ciao Mysia, x caso conosci anke la ricetta del migliaccio salato, quello ke si fa con salame a pezzetti, pasta e provola???Nessuno me l’ha saputa dare…aspetto tue notizie, grazie mille continua a scrivere ricette strepitose…baci baci

  18. patty79 — 15 febbraio 2010 @ 7:34 pm

    eseguito alla lettera,ottimo come tutte le altre tue ricette!!!! patty79

  19. Misya — 16 febbraio 2010 @ 12:27 pm

    xrita: felice che ti sia piaciuto 😛

    xcira: con la ricotta non l’ho mai provata,e a dir il vero non sono a conoscenza di un migliaccio salato

    xpatty: grazie cara!

  20. silvia — 17 maggio 2010 @ 9:22 pm

    e molto buona ho privato ed e riuscita benissimo grazie

  21. silvia — 17 maggio 2010 @ 9:23 pm

    ciao vorrei iscrivermi a questo sito sono un appasionata di cucina grazie tante delle belle ricette…

  22. adriana — 15 luglio 2010 @ 12:35 pm

    Salve, allora è da un paio di mesi che uso le tue ricette e adesso mi sono decisa che il minimo che posso fare e lasciarti un commento per congratularmi con te. Di ricette ne o provate davvero tante, ieri sera per esempio ho fatto il lemon curd che ho messo sopra una crostata e ho ricoperto di panna…un successone. Po ho fatto i bastoncini di patate, schiacciatine di patata e di zucchine, il tiramisù alle pesche, la torta alla nutella, le polpettine di zucchine, gli involtini di zucchine e quegli delle melanzane, e tante altre. Tutte sono venute benissimo, tranne una sola cosa, i biscotti belgi o olandesi, quegli forse non sono stato in grado di farli, erano molto duri e molto burrosi, io ho usato l’impastatrice perche con le mani non ci so fare! Comunque complimenti per il tuo blog, tante ricette semplici, mo,lto molto bene descritte, le foto aiutano molto e per me vanno benissimo anche perche, sposandomi, adesso vivo in provincia di salerno, agropoli, e quindi mi devo assumere pian piano anche il modo di cucinare campano!
    Adesso vado a preparare il migliaccio, e vedo di trovare sul tuo blog qualche stuzzichino per stasera!
    Tanti auguri e a presto!
    Adriana

  23. Gisella — 22 novembre 2010 @ 4:39 pm

    Ciao, una mia amica mi ha suggerito questo blog e devo dire che sto trovando un sacco di idee carine ed appetitose e quindi volevo farti i miei complimenti ^^
    Per quel che riguarda il migliaccio, bè io sono della provincia di napoli e noi lo facciamo in maniera leggermente diversa, è in pratica una frittata di spaghetti dolci aromatizzata alla cannella e con un goccio di liquore strega…è uno dei miei dolci preferiti ^^

  24. viviana — 3 febbraio 2011 @ 12:02 am

    finalmente ho trovato la ricetta..pur essendo napoletana non sapevo fare questa delizia che ho mangiato tempo fa fatto da una napoletana doc… bene per ora provo a farlo…. ma se viene bene x carnevale ne faro’ uno grande da prtare acasa dei miei x festeggiare il carnevale con la lasagna coniglio alla cacciatora chiacchiere sanguinaccio e crostata di amarena mmmmm mmmm manca molto per carnevale???????

    slurp slurp

    misya ti adoro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

  25. viviana — 8 febbraio 2011 @ 10:40 pm

    fatto nel pomeriggio …mamma mia che buono che e’….io ho messo anche la ricotta….MERAVIGLIOSO!

  26. Lucia — 11 febbraio 2011 @ 3:29 pm

    Domani farò il migliaccio…La ricetta è uguale a quella di mia nonna però la sua prevede 6 uova e come liquore mette l’anice. Lei lo faceva sia senza che con la ricotta ma a mio parere è più buona quest’ultima! Ciao

  27. rosaria — 11 febbraio 2011 @ 4:23 pm

    buonissssssimo questo dolce grazie Misya

  28. Sandy87 — 11 febbraio 2011 @ 6:43 pm

    Ciao a tutte ragazze… ma se metto la farina OO al posto della semola?? Mi assicurate ke è buonissima?? vorrei farla come sorpesa a S. Valentino a mio marito ma non vorrei avventurarmi in un dolce ke poi non gli piace xkè è poco saporito…

  29. Misya — 11 febbraio 2011 @ 7:04 pm

    La semola non e’ sostituibile con la farina

  30. marta — 19 febbraio 2011 @ 10:42 am

    quello salato lo conosco anch’io, però se non erro si usa la farina di mais.
    da me (bacoli) si usa fare il migliaccio con gli spaghetti, senza semola, ed è fritto e poi cosparso di zucchero.buonissimo…

  31. Anna — 19 aprile 2011 @ 1:03 pm

    Ciao, tra un paio di giorni ho intenzione di provare questa ricetta, ma mi chiedevo se andava bene prepararla il giovedì e mangiarla però venerdì. è meglio consumarla il giorno stesso? e se volessi consumarla il giorno dopo, come va conservato questo dolce? se aggiungo la ricotta è commestibile fino a sabato? grazie anticipatamente 😀

  32. rosaria — 19 aprile 2011 @ 2:09 pm

    va sempre bene,quando la fai e quando la mangi,x conservarlo metti in frigo

  33. susy — 10 febbraio 2012 @ 6:41 pm

    Anche mia madre la pizza di semola,come lei la chiamava,la faceva senza ricotta,così come faccio ancora io.

  34. miki — 22 febbraio 2012 @ 10:10 am

    L’ho fatto ieri sera con 3 uova (quelle c’erano in frigo :-P) e aggiungendo la ricotta: buonissimo!!!
    Grazie della ricetta!!!

  35. Pinturikkia — 22 febbraio 2012 @ 2:48 pm

    Ciao Misya, ho preparato questo dolce l’altra sera per carnevale e mi è èiaciuto tantissimo!Ho seguito alla lettera la tua ricetta aggiungendo la ricotta,veramente gradevole con un sapore che mi ricorda a metà tra un budino e una pastiera!Grazie :)

  36. poziomka — 20 giugno 2012 @ 6:04 pm

    Misya, ma tu sai x caso la ricetta del migliaccio salato?il mio ragazzo è della zona di Castellammare di Stabia e la mamma glielo prepara sempre…è con la salsiccia…ma qui a Caserta nn si usa…glielo vorrei tanto preparare…uffi…:(

  37. Sisa — 16 gennaio 2013 @ 7:54 pm

    Ciao a te Misya sono un’affezionata delle tue ricette. Il migliaccio non l’ho mai fatto ma questo carnevale voglio proprio provarlo. La tua ricetta mi piace moltissimo un pò meno l’idea di passarlo al frullatore infatti l’interno della fetta nella foto è troppo compatto per i miei gusti. Quello che non capisco è perchè mai è cosi schiacciato…sottile. e’ proprio così che deve essere il risultato o lo è perchè la teglia era troppo larga rispetto alle dosi, visto che non specifichi il diametro che occorre? fammi sapere. Ciao Sisa

  38. Lucia — 17 gennaio 2013 @ 8:23 pm

    @Sisa:
    rispondo io in attesa che lo faccia Misya.
    Il fatto di passarlo col passaverdure serve per evitare i grumi del semolino, per me è un’operazione indispensabile !!
    Per lo spessore, di solito è così, basso, cioè non è un dolce altissimo, deve essere di circa 3-4 cm! :)

  39. Silvia73 — 11 febbraio 2013 @ 6:49 pm

    @ Sisa: in uno dei post di risposta di Misya, il primo se non sbaglio, il diametro della teglia invece e’ indicato: 28 cm.
    Io oggi pero’ ho provato a fare il migliaccio in uno stampo rettangolare (devo ricavarne dei quadrotti) da circa 30×20 e mi sembra perfetto! :)
    Non vedo l’ora di assaggiarlo.. già da crudo l’impasto era squisito!
    Anch’io, una volta unito il semolino al resto, ho passato tutto al mixer.. qualche grumetto, nonostante avessi mescolato bene, era rimasto, e frullando l’ho eliminato definitivamente! 😉

  40. Silvia73 — 12 febbraio 2013 @ 5:08 pm

    E’ venuto davvero molto buono, grazie per questa semplice e ottima ricetta!

  41. carlo — 8 marzo 2013 @ 7:40 pm

    Ciao sto iniziando a fare il Migliaccio utilizzando anche la ricotta, vedremo come viene poi ti dirò, per ora sappi che mi sto accingendo a compiere questa operazione.

  42. francesca — 13 marzo 2013 @ 8:19 pm

    ottimo davvero!!!!!!!

  43. batigabriel — 21 marzo 2013 @ 2:58 pm

    c’è un errore temo…nn si dice mai di levare la scorza di limone….ora chissà come la scovo….mi sa che frullo tutto..

  44. claudia dc — 4 settembre 2013 @ 3:43 pm

    @batigabriel lasciala pure tanto quando tagli la fetta salta fuori e la elimini. Comunque non è male da mangiare.
    faccio spesso il migliaccio e piace molto anche ad amici e colleghi, non sarà più il dolce originale ma ci aggiungo anche uvetta e gocce di cioccolato.
    La ricotta ce la metto sempre

  45. Vale — 7 settembre 2013 @ 2:32 pm

    Mamma mia deve essere buonissimo!io amo la pastiera quindi credo mi piacerá pure questo. Quando ci darai una ricetta di sfogliatelle frolle? Io le amo alla follia! Ma mi fido poco delle ricette di altri siti.. mi fido solo di te! Attendo con ansia! :)

  46. Valentina P — 4 dicembre 2013 @ 11:25 pm

    Ho provato a farlo ma non mi é piaciuto,é troppo compatto. Io l’ho mangiato piu morbido e con un sapore diverso

  47. melania — 12 febbraio 2014 @ 4:19 pm

    Ciao, premetto che questo è il mio sito web preferito da cui prendere le ricette, ho acquistato anche il tuo libro. Ho appena provato a ripetere questa ricetta, ma non mi è venuta fluida come nelle foto. Secondo me la grammatura del semolino è troppa: con 250 grammi non mi è venuta fluida, ho dovuto aggiungere latte, ma è rimasta sempre secca. Ciao

  48. rorò — 27 febbraio 2014 @ 7:09 pm

    Sono anni che ti leggo e mi cimento con le tue ricette, questo carnevale mi è proprio venuta voglia di fare(e mangiare!)il migliaccio!!!Vedremo!

  49. rorò — 3 marzo 2014 @ 7:44 pm

    Fatto!!!E’ venuto bene!Ottimo!

  50. caro — 26 luglio 2014 @ 2:21 pm

    al posto del semolino la semola ve bene uguale?

  51. Misya — 28 luglio 2014 @ 10:11 am

    @caro Semola e semolino non sono la stessa cosa, non ho mai provato a fare il migliaccio con la farina di semola ma leggevo su internete che qualcuno la usa, questione di gusti… il composto dovrebbe avere una consistenza più cremosa!

  52. caro — 1 agosto 2014 @ 12:46 pm

    misya grazie per la risposta, non so se qualcuno ha avuto il mio stesso problema, ma stranamente in due supermercati non ho trovato il semolino! ho dovuto prendere la semola rimacinata, il migliaccio è uno spettacolo, non so come sia con il semolino o se la semola rimacinata sia la stessa cosa ma comunque è venuto veramente buonissimo,le tue ricette sono ottime 😀

  53. giovanna — 23 gennaio 2015 @ 6:17 pm

    ma gr 750 di acqua non sono troppi?

  54. Misya — 26 gennaio 2015 @ 11:33 am

    @giovanna No no, sono giusti 😉

  55. Pippi — 9 febbraio 2015 @ 12:17 pm

    Cara Misya,

    Quale tipo di ricotta è preferibile mettere nel migliaccio?
    Grazie

  56. Misya — 9 febbraio 2015 @ 5:30 pm

    @Pippi Ti dirò, a me il migliaccio piace senza la ricotta… ma credo che di solito si usi quella vaccina…

  57. Carolina — 18 febbraio 2015 @ 4:11 pm

    Ho fatto questo migliaccio per la quarta volta, le prime tre ho usato la farina di semola rimacinata ed è venuto buonissimo, ieri ho voluto cambiare e provare il semolino come da ricetta, e devo dire che preferisco la semola rimacinata 1000 volte 😀

  58. Misya — 18 febbraio 2015 @ 6:24 pm

    @Carolina Be’, sì, immagino che dia una consistenza completamente diversa 😉

  59. raffa — 27 gennaio 2016 @ 4:10 pm

    forno statico o ventilato?

  60. Misya — 27 gennaio 2016 @ 6:43 pm

    @raffa Ventilato

  61. Tina — 30 gennaio 2016 @ 6:51 pm

    Scus Flavia c’e La Buccia grattuggiata di arancia nella lista degli ingredienti ma
    Non c’è nel procedimento quando metterla! Devo metterla nel latte caldo o alle uova?

  62. Tina — 30 gennaio 2016 @ 6:52 pm

    Io non ho il ventilato e lo stesso ?

  63. Tina — 31 gennaio 2016 @ 2:28 am

    @Lucia Aiutooo non sapevo che si doveva passare al passa verdure il semolino cotto non c’è scritto 😱 Adesso è in forno vedremo

  64. Tina — 31 gennaio 2016 @ 2:29 am

    @giovanna 750 gr. Di acqua ma
    Nella Ricetta c’è scritto 300ml oh mamma e adesso? E inforno

  65. Misya — 1 febbraio 2016 @ 11:08 am

    @Tina Avevo dimenticato di aggiungerla nel procedimento, ho corretto 😉
    Per la cottura in forno statico o ventilato leggi qui: http://www.misya.info/guide/forno-statico-o-ventilato-quale-scegliere
    Quello del passaverdure (o frullatore a immersione) è un passaggio necessario solo se ti sembra che siano venuti grumetti nel semolino
    Di recente ho rifatto la ricetta usando uno stampo più piccolo, ecco perché ho modificato le proporzioni e non trovi più i 750 ml di acqua che c’erano una volta!
    Alla fine com’è venuto?

  66. raffa — 1 febbraio 2016 @ 11:31 am

    ma andrebbe bene anche unaq ricotta tipo quella da banco, s. lucia? o Troppo morbida? grazie in anticipo
    ^^

  67. Misya — 1 febbraio 2016 @ 11:51 am

    @raffa In realtà non lo faccio mai con la ricotta, ma immagino vada bene anche quella

  68. Tina — 3 febbraio 2016 @ 7:05 pm

    Misya e venita una meraviglia con le porzioni vecchie, appena rientro da Parigi lo farò di nuovo con questa porzione è una favola.. A chi può interessare ho usata la ricotta di banco Santa Lucia .grazie ancora Flavia ❤️

  69. — 3 febbraio 2016 @ 7:41 pm

    @Tina che intenendi per porzioni vecchie??

  70. Misya — 4 febbraio 2016 @ 9:57 am

    @Tina Ottimo!

    @rà La ricetta è la stessa, ma l’ho rifatta usando uno stampo più piccolo e quindi ho diminuito i quantitativi 😉

  71. Annie — 4 febbraio 2016 @ 12:39 pm

    Ciao Flavia
    ascolta…io ho quattro albumi da consumare, secondo te se metto quelli più un uovo intero viene bene lo stesso o il gusto cambia?

  72. Misya — 5 febbraio 2016 @ 10:52 am

    @Annie Il gusto cambia di sicuro, ma soprattutto 4 mi sa che sono troppi: 3 albumi dovrebbero bastare

  73. Annie — 5 febbraio 2016 @ 4:40 pm

    Ah…nono allora gli albumi li utilizzo in altro modo e faccio questo seguendo la tua ricetta…Grazieee!

  74. Misya — 5 febbraio 2016 @ 6:30 pm

    @Annie Figurati!

  75. Martina — 7 febbraio 2016 @ 1:12 pm

    Ciao! Posso prepararlo in giorno prima? Vorrei fare la versione con la ricotta. Devo conservarla in frigo poi?

  76. Giovanna — 7 febbraio 2016 @ 6:37 pm

    Scusa Misya vorrei sapere se é possibile avere la vecchia ricetta te ne sarei veramente grata😊

  77. Misya — 9 febbraio 2016 @ 11:16 am

    @Martina Sì, certo, anzi, preparato il giorno prima viene ancora più buono! Se a casa tua fa caldo, sì, meglio in frigo, altrimenti va bene semplicemente al chiuso (una volta completamente raffreddato)

    @Giovanna È la stessa, solo con le proporzioni per uno stampo più grande 😉

  78. Enza — 9 febbraio 2016 @ 4:11 pm

    Ciao,è il secondo anno che sperimento questa ricetta ed è sempre un successone, grazie flavia

  79. Misya — 9 febbraio 2016 @ 6:04 pm

    @Enza 😉

  80. Paola — 10 febbraio 2016 @ 2:50 pm

    Avevo varie ricette del migliaccio, ma quest’anno ho provato la tua ed è stato buonissimo!Perfette le quantità di semolino, ricotta e latte.
    L’unica cosa che ho aggiunto sono gli aromi (1 cucchiaino di cannella, cedro a pezzetti e il millefiori). Perché la tua ricetta non li prevede?

  81. Misya — 10 febbraio 2016 @ 6:44 pm

    @Paola Eheheh, mi fa piacere!
    Perché mia nonna lo faceva così 😉

  82. Annalisa fiorillo — 23 febbraio 2016 @ 9:53 pm

    È la seconda volta k ci provo ma Nn viene bene.. Penso k il problema sia la teglia.. Sei sicura k quelle dosi sono x una teglia da 22 e non più grande?

  83. Misya — 24 febbraio 2016 @ 10:34 am

    @Annalisa fiorillo In che senso non viene bene?

  84. Tina — 24 febbraio 2016 @ 5:46 pm

    @Annalisa fiorillo io addirittura ho usato la teglia 26 e venuta spettacolare da vendere e da magnare ahahah

      
TAGS: Ricette di Migliaccio | Ricetta Migliaccio | Migliaccio