Questo sito contribuisce alla audience di
Pastiera

La pastiera è un dolce tipico napoletano caratteristico del periodo di Pasqua. La pastiera è fatta con una base di pasta frolla ed un ripieno di crema di grano, ricotta e crema pasticciera.Molti di voi mi hanno chiesto la ricetta della vera pastiera napoletana ma in realtà secondo il mio punto di vista, non esiste questa ricetta.
La pastiera ad esempio a casa mia viene preparata con il ripieno di grano metà passato e metà intero, non mettiamo canditi perchè non piacciono a nessuno e aggiungiamo al ripieno la crema pasticcera.
Le ricette vengono plasmate ed adattate sui gusti dei membri familiari ed è per questo che non possono essere mai uguali ed è anche per questo che la pastiera è un dolce che non si regala mai a nessuno! Tutti amano la propria pastiera e non assaggiano quella degli altri (io in primis) ma è una cosa ovvia… ogni pastiera è una tradizione a se frutto di cambiamenti sui gusti della propria famiglia.
Questo è per dire che quella che sto postando non è LA ricetta della pastiera, ma LA MIA ricetta ovvero quella che si tramanda da generazioni nella mia famiglia.

Buona Pasqua a tutti!

Ingredienti per uno stampo da 32 cm:
Ingredienti pasta frolla:
500 gr di farina
5 uova
150 gr di burro
200 gr di zucchero
1 scorza di limone

Ingredienti per la crema di grano:
500 gr di grano
300 ml di latte
70 gr di burro
1 buccia di limone
1 bustina di vanillina

Ingredienti per la crema di ricotta:
500 gr di ricotta
350 gr di zucchero
5 uova
1 bustina di cannella
1 fialetta di fiori d’arancio

Ingredienti per la crema pasticcera:
5 tuorli
500 ml di latte
50 gr di farina 00
5 cucchiai di zucchero
1 buccia di limone

Tempo di preparazione: 1 ora 30 min
Tempo di cottura: 1 ora
Tempo totale: 2 ore 30 min

Come fare la pastiera

Iniziamo col preparare la pasta frolla.
Disporre la farina a fontana, mettere al centro lo zucchero, il burro a sfoglie, le uova e la buccia grattugiata di un limone.

Impastare gli ingredienti al centro velocemente con una forchetta e incorporare man mano la farina.

Lavorare l’impasto fino ad ottenere un composto omogeneo.

Avvolgere il panetto nella pellicola e metterlo in frigo per almeno mezz’ora.

Crema di grano:
Sciacquare il grano e mettetelo in una pentola con il latte, il burro, la vanillina e la buccia di limone. Farlo cuocere a fiamma bassa per circa 30 minuti mescolando di tanto in tanto.

Far cuocere fino a che il latte non sarà stato assorbito del tutto o fino a che il tutto non risulti denso e cremoso. Far raffreddare.

Crema pasticciera
Battere i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. Sciogliere la farina nel latte. Aggiungere il latte con la farina disciolta alle uova.

Aggiungere la buccia di un limone, versare il composto in una pentola dal fondo spesso e metterla sul fuoco.

Mescolare di continuo la crema pasticcera per non far formare grumi. Una volta pronta, lasciarla raffreddare.

Crema di ricotta:
Passare la ricotta al setaccio, raccoglierla in una terrina e lavorarla con lo zucchero fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.

Dividere le uova, montare gli albumi a neve e teneteli a parte.

Con il passaverdura tritare metà composto di grano e lasciarne metà con i chicchi interi (se preferite potete passare tutto il grano o non passarlo per niente) e versarlo in un a terrina molto grande.

Aggiungere i tuorli, la crema pasticcera e la crema di ricotta.

Amalgamare il tutto dolcemente. Quindi aggiungere i bianchi montati a neve, la fialetta di millefiori e la cannella.

Amalgamare delicatamente il tutto con un cucchiaio di legno fino a rendere il composto omogeneo.

Su una spianatoia infarinata, stendere uno strato di pasta frolla di uno spessore di 3 mm.

Foderare con la pasta frolla uno stampo, precedentemente imburrato, e con l’aiuto di un mestolo versare il ripieno del dolce al’interno, fino a mezzo centimetro sotto il bordo, perchè durante la cottura gonfia.

Ricavare delle lasagnette sottilissime, aiutandovi con un coltello lungo o con una rondellina, porle sul ripieno dando la forma romboidale.

Cuocere la pastiera in forno preriscaldato a 180°C per circa un’ora (o fino a che la pastiera non scurisce).

La pastiera è un dolce che a Napoli si prepara tipicamente il giovedì e si mangia il giorno dopo la cottura per dare modo ai sapori di fondersi. E, mi raccomando, si mangia fredda!

Condividi ricetta su Facebook
Dolci, ricetta di Flavia Imperatore 4.5 stelle in base a149 voti

Ricette simili

Ricette simili o con gli stessi ingredienti di Pastiera

Categorie ricetta

Tutte le categorie in cui è presente questa ricetta

Ricette per ingrediente

Elenco di ricette che utilizzano questi ingredienti

Spiacente, i commenti per questa ricetta sono chiusi.

149 commenti alla ricetta

Pastiera
  1. Olga — 21 marzo 2008 @ 8:36 pm

    cara misya come ti avevo già scritto è proprio così ognuno ha la sua pastiera, io il grano non lo passo perchè mi piace molto, metto pochissimi canditi perchè piacciono solo a mio marito,e quando è cotta la lascio nel forno aperto a raffreddare, e si è lunga la sua preparazione ma quando la mangi ti dimentichi di tutto, buona pasqua a te e al tuo futuro maritino. Baciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  2. 0_0Tina — 22 marzo 2008 @ 11:03 am

    Hai proprio ragione, ognuno prepara la propria versione secondo il gusto personale…

    Ciao serena Pasqua 0_0Tina

  3. majda — 22 marzo 2008 @ 11:21 am

    grazie misya e auguri di buona pasqua

  4. majda — 22 marzo 2008 @ 5:04 pm

    ho appena finito la pastiera sembra buona la mangiamo domani grazie ancora

  5. Giovanna — 22 marzo 2008 @ 8:02 pm

    Tantissimi auguri di buona Pasqua…..
    :*

  6. panettona — 23 marzo 2008 @ 8:26 am

    in effetti è bello sapere che in molti la pensano come me : non esiste una versione ufficiale della pastiera ( a dire il vero ciò è valido in quasi tutte le preparazioni), ma una ufficilale personale …

    buona Pasqua a tutti!!!

  7. Antonio — 23 marzo 2008 @ 7:20 pm

    Sei brava e farai strada! Complimenti ed auguri.

  8. Barbara — 25 marzo 2008 @ 12:09 pm

    Ciao Misya, ho fatto un servizio fotografico ad una delle mie ricette. Come faccio ad inviartele?

  9. Lea — 25 marzo 2008 @ 2:35 pm

    Ciao Mysia, sono una tua nuova fan. le tue ricette sembrano super. le proverò prestissimo. intanto pèerò ho una domanda che forse dimostrerà che non sono di napoli e non ho mai fatto la pastiera: negli ingredienti c’è scritto “grano”, ma come si compra? crudo come il riso?? o precotto? e si trova nei supermercati. grazie 1.000 e complimenti per le ricette. ciao

  10. Misya — 31 marzo 2008 @ 1:47 pm

    ciao lea, il grano si trova nei supermercati ed è quello precotto, per pastiere :)

  11. Misya — 9 aprile 2008 @ 10:04 am

    xolga e tina: eh si, l’avevo detto io, ognuno ha la sua 😉

    xgiovannae majda e panettona: grazie per gli auguri ragazze , anche se in rtardo :(

    xantonio: troppo buono 😉 grazie per il messaggio

    x barbara: puoi rispondere a questo messaggio allegando la ricetta :)

  12. ilaria — 25 maggio 2008 @ 3:41 pm

    ciao!vorrei sapere come si fa a realizzare un sito web con le ricette?
    anke a me piace tanto cucinare e vorrei averne uno!

  13. Rox e Isa — 31 agosto 2008 @ 4:50 pm

    é da un po’ di tempo che frequentiamo il tuo blog…e abbiamo sperimentato la ricetta della pastiera..complimenti mysia..nonostante la nostra “imbranaggine” in cucina è venuta vero buona!!!!ci hai fatto fare un figurone!!grazie ancora
    e comunque hai ragione i canditi non piacciono a nessuno!!

  14. missy — 13 settembre 2008 @ 1:42 pm

    ciao mysia sono missy.Tanti complimenti per il tuo blog. Io sono di nuoro ma mia suocera e di Gragnano anche se vive a nuoro da tanto tempo e tu non sai la mia felicita quando ti ho scoperta, finalmente avevo la possibilita di cucinare napoletano guidata da una napoletana verace perche il mio ragazzo adora tutto cio che e napoletano. Grazie ancora. Se hai qualche curiosita sulla vera cucina sarda fammelo sapere saro ben felice di aiutarti. Un saluto a presto

  15. elvira — 14 marzo 2009 @ 11:56 am

    Scusami mysma lunedi’ volevo fare la pastiera ma nn ho capito gli ingredienti x la pasta frolla xkè nei hai messi due di procedimenti.1 500 gr di farina 00 5 uova(2 intere e 3 tuorli 150 gr di burro 1 scorza di limone e quando clicca su pasta frolla ci sn scritti altri ingredenti.quali in gredienti dv fare x la pasta frola grazie

  16. Nelly — 28 marzo 2009 @ 12:51 pm

    Ciao io la pastiera lo fatta sempre senza crema questa volta però voglio provare a farla con la crema, ora che ci penso la farò per il mio compleanno che è a breve ciao e grazie perchè da quando faccio le tue ricette mi viene tutto mglio e tutti sono felici…..

  17. vincenzo — 8 aprile 2009 @ 10:07 pm

    Vorrei sapere il diametro dello stampo per la pastiera.

  18. marilena64 — 10 aprile 2009 @ 10:09 pm

    ciao la mia pastiera ha lo stesso procedimento della tua cambiano solo le dosi

  19. isospa — 14 aprile 2009 @ 3:33 pm

    Ciao misya!!sabato ho fatto per la prima volta(sono di Milano…) la pastiera seguendo scrupolosamente la tua ricetta…Perfetta!!!…A me però me ne sono venute 2 (in due stampi da 26 cm, bassi da crostata….)
    Ottime tutte e due!
    Il 25 aprile organizzo una grigliata con i miei amici…hai qualche dritta????

  20. Bruna — 20 aprile 2009 @ 10:00 am

    Ciao Misya piacere di averti conosciuta tramite il buon gusto di mangiare!
    Ieri, mentre mia figlia faceva i compiti, ho fatto i cantuccini. Meravigliosi!!! Brava e grazie Bruna

  21. carmen — 24 aprile 2009 @ 4:42 pm

    ciao misya !!!volevo ringraziarti perche grazie alla tua ricetta ho fatto un figurone!!!è stata fenomenale!pensavano che l avessi comprata!!!che gioia soprattutto per mio padre che va pazzo per i dolci della tradizione…
    io pero ho aggiunto anche 1a fialetta di millefiori come faceva mia nonna.risultato ottimo!!!
    grazie mille… ormai il tuo blog è diventato il mio ricettario di fiducia.non vedo l ora di provare il ciambellone e la crostata di nutella per il compleanno di mio fratello!!!
    baci a presto

  22. donatella — 16 marzo 2010 @ 3:15 am

    Signora Mysia:) scusi ancora se la disturbo!so che le ho già lasciato un messaggio nella ricetta della torta di mele…..ma volevo chiederLe se le dosi qui scritte per la pastiera sono sufficienti per una sola pastiera o ne vengono 2? devo prepare due pastiere per venerdì e non so se devo raddoppiare le dosi…..
    è la prima volta nella mia vita che ne faccio una!
    pensi che anche la mia Mamma ha la sua ricetta segreta che era di sua Nonna:)! ma devo fare una sorpresa alla mia Mamma e quindi non posso chiederLe di dettarmi la sua ricetta per telefono…..
    spero mi venga bene come la sua(ci vorrebbe un miracolino)….
    se dovesse interessarLe, mia Mamma (oltre ai pezzettini di cedro candito che ho capito che a Lei non piacciono) mette i pinoli:)

    grazie infinite se dovesse trovare tempo per rispondermi:)
    buona giornata:):)
    ancora, dona:)

  23. anna — 23 marzo 2010 @ 9:36 am

    Ciao Mysia , prima di tutto come stai??? volevo chiederti un informazione …io sono celiaca e per fare la pastiera ho comprato il grano saraceno decorticato però non precotto mi sapresti per caso dire come lo si cuoce???? vicino allo scatolo nn c’è scritto nnt, io avevo pensato di metterlo in ammollo la sera prima e poi cuocerlo in acqua ( tipo come si fa per i fagioli secchi) una mezz’oretta…vorrei tanto prepararmi questa pastiera di grano!!!! se tu potessi aiutarmi io te ne sarei infinitamente grata!!! ho trovato sul sito di GNam GNam delle ricette per celiaci perchè nn crei in questo meraviglioso sito anche qualcosa per noi????? grazie ancora!!!!! e Buona pasqua

  24. mery — 30 marzo 2010 @ 11:38 pm

    mi piacciono molto le tue ricette e sn pronta a metterle in pratica ho comprato gli ingredienti per l’uovo di cioccolata e domani lo faro anchio ho mie ricette ma mi piace impararne sempre di piu’ciao da mery e buona pasqua a tutti

  25. Simona — 7 aprile 2010 @ 5:28 pm

    Ciaooooo!!
    quest’anno a Pasqua ho fatto la tua Pastiera, (a dire il vero alla fine ne ho preparate quattro!!!)
    Erano veramente, veramente buone con la tua ricetta!
    Io sono di Bologna e magari non me ne intendo, ma è da sempre uno dei miei dolci preferiti!
    Grazie e auguri in ritardo!!!
    Simona

  26. anto — 10 settembre 2010 @ 2:44 pm

    spero di farla presto……..

  27. Luigi — 7 novembre 2010 @ 10:01 am

    Anch’io spero di farlo prestissimo,
    grazie.

  28. emma — 5 dicembre 2010 @ 10:52 pm

    ciao misya sei fantastica

  29. Antonio — 6 dicembre 2010 @ 12:35 am

    Vorrei un tuo giudizio sulla pastiera di Scaturchio (credo che tu l’abbia provata, qualche volta).
    Saluti.

  30. Antonella — 14 dicembre 2010 @ 7:45 pm

    ciao ragazze allora sicuramente sara’ ottima questa pastiera ma esiste è come una versione ufficiale…….. La pastiera Napoletana è solo con la ricotta . poi è ovvio che ognuno modifica come vuole ma quella ufficiale esiste ed io da buona napoletana la difendo :-)))
    come anche i modi di prepararla sono svariati io ad esempio sono una di quelle che se non è estremamente necessario difficilmente divido gli albumi e li monto a neve..leggendo la tua sembra una preparazione infinita ..io ieri ne ho fatte 4 e l’unico tempo che attendo è il raffreddamento del grano(che io nn passo ma frullo grossolanamente col mix ad immersione) che mi va in concomitanza col riposo della frolla

  31. Misya — 15 dicembre 2010 @ 12:26 pm

    xantonio: io trovo le pastiere di pasticceria troppo dolci,scaturchio fa una buona pastiera a detta di chi l’ha assagiata :)

    xAntonella: a differenza di preparazioni come il ragù alla bolognese di cui esiste una ricetta ufficiale, oppure delle delizie al limone, preparazioni come il casatiello, pastiera, migliaccio non hanno una ricetta ufficiale. Esistono versioni antiche meno ricche come per il casatiello.. prima solo sugna e pepe ed ora con l’aggiunta di affettati, il migliaccio, fatto solo di semolino in antichità ed ora con l’aggiunta di ricotta e la pastiera.. prima fatta solo di grano e ricotta e ora arricchita spesso con la crema pasticcera :)

  32. francesca — 29 dicembre 2010 @ 3:23 pm

    Misya, la ricetta della tua pastiera è superba! E’ diventato il mio cavallo di battaglia e ogni volta che la faccio vado sempre a migliorare! Ne ho provate di altre ricette, con solo due creme, ma le 3 creme la rendono molto più profumata e umida come piace a me!
    Grazie grazie!!

  33. viviana — 3 febbraio 2011 @ 12:39 am

    bella ricetta di pastiera sei un genio …..io la faccio simile aggiungo i canditi solo quelli giallini ( tassativamente no ai canditi rossi macchiano l ‘interno del dolce) che a noi piacciono e non monto gli albumi a neve solo perche’ mi dimenticai di farlo una volta e non si notava nessuna differenza almeno cosi’ sembrava a me e a chi la mangio’…. Mettiamo poi ,dopo cotta, un poco di zucchero a velo ma poco poco…

    per il resto penso,e chiedendo in giro le tante ricette per confrontarle con la mia , quindi ne sono certa , che la tua di ricetta

    E’ LA RICETTA DELLA PASTIERA NAPOLETANA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    COMPLIMENTI

    KISS KISS

  34. Lorenza — 24 marzo 2011 @ 5:14 pm

    Stupendo Misya, farò contento mio marito che ne va matto.

    Baci

  35. ilary — 24 marzo 2011 @ 5:25 pm

    carissima oggi ho sperimentato la tua ricetta ,buonissima!però la frolla alla base non è stata eccezionale sembrava cruda nonostante l avessi cotta un ora!baci e grazie

  36. manuela — 2 aprile 2011 @ 2:23 pm

    ciao misya, come stai??? la gravidanza come prosegue??? dato che si avvicina la pasqua volevo chiederti se con queste dosi posso usare due stampi da 24 cm??? FAMMI SAPERE GRAZIE MILLE

  37. Misya — 6 aprile 2011 @ 1:06 pm

    Ciao di sicuro non ce la fai con queste dosi a fare 2 stampi da 24. Potresti provare a fare una dose e mezza :)

  38. grazia — 12 aprile 2011 @ 7:05 pm

    ciao misya
    volevo chiederti se il grano che hai usato è quello precotto
    grazie in anticipo

  39. Antonietta — 12 aprile 2011 @ 7:52 pm

    ciao Misya,senti ma visto ke a breve è Pasqua avrei intenzione di fare una buona pigna di Pasqua,quella vera tradizionale,io sono napoletana,noi come ben sai ci teniamo tantissimo nella preparazione dei dolci e nella loro buona fuorisciuta,nn mi fido delle ricette che si trovano su internet,tu hai intenzione di postarla questa ricetta?kisses……….

  40. tonia86 — 12 aprile 2011 @ 7:55 pm

    ciao misya,mica hai intenzione di postare la ricetta della pigna tradizionale napoletana??grazieeee

  41. modesta — 14 aprile 2011 @ 6:02 pm

    ciao, è da un pò di tempo che guardo il tuo sito, è eccezionale, ho imparato tante cose e con la tua spiegazione tutto mi viene benissimo,
    per la pastiera di grano io la faccio leggermente diversa, cioè non passo ne il grano ne la ricotta e tutti mi dicono che facciouna pastiera buonissima ciao buona pasqua

  42. barbara — 17 aprile 2011 @ 7:00 pm

    Carissima….fatta ed appena sfornata…..l’unico dispiacere è….aspettare fino a domani per poterla assaggiare…..ma resisterò=)….un bacio a te,pancino e maritino =)

  43. Alessia — 19 aprile 2011 @ 12:03 pm

    scusate un consiglia…io ho pensato di fare doppia dose, così se i calcoli non sbagliano, escono 2 stampi da 24 ed uno da 16.giusto? poi seconda domanda…io ho comprato direttamente il boccettino di fiori d’arancio perchè non ho trovato la fiala. come mi regolo? faccio un cucchiaio grande che corrisponde ad una fiala?? grazie pleaseeee

  44. Federica — 19 aprile 2011 @ 2:06 pm

    Appena sfornata…oserei dire fantastica…tutti a bocca aperta! E con le tue ricette sembra davvero tutto più facile!Grazie

  45. carmen — 20 aprile 2011 @ 12:41 pm

    Ciao misya anche se sono nuova nei commenti e da tanto che mi ispiro alle tue ricette, a casa mi prendono tutti in giro quando dico che vado a a consigliarmi dalla mia amica sul blog, volevo sapere se sai come si fa la pastiera con il riso, la faceva la mia ex suocera.. buonissima!

    Ti abbraccio
    Carmen

  46. Misya — 21 aprile 2011 @ 8:52 am

    xgrazia: si, è precotto, si chiama proprio grano per pastiere, non ti puoi sbagliare

    xantonietta: mai sentita questa pigna di Pasqua… forse è una preparazione di qualche paese intorno Napoli?

    xtonia: mai sentita

    xmodesta: ogni famiglia ha il suo modo di fare la pastiera 😉

    xbarbara: l’ho vista… bellissima! :*

    xAlessia: credo vada bene, fammi sapere

    xfederica: felicissima che ti sia piaciuta :*

    xcarmen: mai sentita la pastiera di riso… mi spiace non poterti aiutare :/

  47. strega78 — 22 aprile 2011 @ 3:51 pm

    …fattaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!anzi fatte..con qst porzioni me ne è venuta una da 24 e una da 26…ièèèèèèèèèèèèèèè!!!!!!!!!!!!!ke profuminooooo…la mangio a pasqua xò…intanto Misya approfitto per fare a te e ai tuoi familiari gli auguri di una splendida pasqua!!!!!!!!!!!!mille bacini al pancinooooooooooooo!tvb

  48. Antonietta — 22 aprile 2011 @ 4:07 pm

    la pigna è un dolce comunissimo campano,io sno di caserta,e qui la fanno tutti,tanto è vero ke la trovi anke nei supermercati,forse in varie localita porta un altro nome,pero da che ne so io si kiama pigna,e un dolce lievitato,come una torta,buonissima!!mi sembra strano ke tu nn lo sappia,la pastiera di riso pure la so, la fa mia madre pure è un nostro dolce tipico,ingrediente principale è il riso,cmq fa niente!!ciaoo
    e buona Pasqua!!

  49. Misya — 22 aprile 2011 @ 4:16 pm

    ecco svelato il mistero… non è una ricetta napoletana, bensì forse un dolce casertano 😉

  50. e.l.i. — 22 aprile 2011 @ 7:00 pm

    l’ho appena infornata… spettacolo!
    grande misya, con le tue ricette sembra davvero tutto semplice!
    1 bacio al pancino e buona pasqua a tutte!!!!

  51. manuela — 23 aprile 2011 @ 4:50 pm

    ciao misya,

    giovedì ho fatto la tua pastiera, devo dire che non è un dolce che io mangio ma questa l’ho assaggiata ed è veramente buonissimissima!!!! brava misya….

  52. modesta — 24 aprile 2011 @ 4:04 pm

    la pastiera di riso era un dolce che faceva mia nonna poi mia madre , e moi padre a Pasqua voleva solo la pastiera di riso, il procedimento è un pò come la pastiera di grano, in effetti il riso viene cotto nel latte, non ho le dosi giuste, appena le avrò te le farò sapere, mia nonna era di SALERNO , quindi penso che in quella provincia è conosciuta (detto fra noi a me non è mai piaciuta)

  53. supermamma — 24 aprile 2011 @ 7:19 pm

    cara Misya meno male che l’hai detto tu che sei napoletana come me che la VERA pastiera non esiste, io ho fatto la mia
    http://supermamma.mammacheblog.com/2011/04/21/pastiera-napoletana/
    e c’è chi mi ha criticata perchè non ho messo la ricotta che a me non piace o perchè ho fatto la variante col cioccolato senza canditi per chi non piace :-)

  54. mamma papera — 24 aprile 2011 @ 7:48 pm

    wow scopro adesso il tuo blog, bravissima mi piace molto ^_^

  55. Lorenza — 26 aprile 2011 @ 9:32 am

    Ciao dopo anni che la compravo in pasticceria o la assaggiavo dalle zie, ecco finalmente che ci sono riuscita!!!!!!!!!!!!!!!
    Grazie mille !

    Lorenza

  56. alessia — 28 aprile 2011 @ 2:01 pm

    ebbene si Misya l’ho fatta anche io!! ho fatto doppia dose e quindi ne sono venute 4 più piccole. ovviamente complimentoni da tutti, peccato che dovevano rimanere quei 5 minuti di più in forno e poi sarebbero state spettacolari…e pensa che ci sono state un’ora e mezza!!! bè dico solo che la mia è già finita da un po 😉 bacioni

  57. iris — 28 aprile 2011 @ 11:02 pm

    ciao,ma il lievito nella pasta frolla non ci va??la devo fare domani mattina

  58. Chiara — 27 novembre 2011 @ 9:51 am

    una volta a casa avevamo una scatola da chissa quanto in cui c’era tutto l’occorrente per fare la pastiera, si dovevano aggiungere solo alcuni ingredienti. beh era venuta buonissima,ma con un lavoraccio! però è vero, dopo quando l’assaggi dimentichi tutta la fatica :)

  59. Antonio — 26 dicembre 2011 @ 12:47 pm

    Se questo e’ un dolce chiamato “pastiera” nulla da dire. Se invece volete indicare questo dolce come “PASTIERA NAPOLETANA” è tutta sbagliata. Fatemi sapere se vi interessa sono a vostra completa disposizione. Ciao Antonio

  60. ENZINA — 23 gennaio 2012 @ 8:51 pm

    cara misya ho letto la tua ricetta della pastiera . la vera pastiera NAPOLETANA non contiene la crema pasticceria SE LEGGILE RICETTE DEL CAVALCANTI è stata una modifica nel tempo di qualche pasticciere .HO 60 ANNI
    E LA MIA RICETTA è DELLA MIA MAMMA CHE E’ CRESCIUTA IN UN CONVENTO DOVE LE
    suore(in genere nobili )portavano le propie ricette.sei comunque brava cia bice

  61. ilaria — 2 aprile 2012 @ 2:53 pm

    cara misya dopo la colomba il babà rustico in settimana voglio provare la tua pastiera anche perchè ho il forno a legna sarà sicuramente sorprendente ti farò sapere baci

  62. giorgia — 4 aprile 2012 @ 2:15 pm

    ma se volessi comprare la pasta frolla già fatta le dosi quali sarebbero??

  63. Patrizia — 4 aprile 2012 @ 2:39 pm

    Vorrei provare a farla ma mi sono appena resa conto che…..
    oddio….. per questa ricetta ci vogliono 15 uova!!!!!!!!

  64. Antonio — 5 aprile 2012 @ 12:32 pm

    La vera pastiera napoletana (da pasticceria) esiste e la ricetta e’ ben precisa. In verita’ e’ un dolce molto semplice da fare se si considera che la pasta frolla, che e’ la cosa piu’ difficile da fare, si trova gia’ pronta al supermercato. La sola difficolta e’ trovare l’essenza d’arancio quella vera cioe’ quella che bastano 6 gocce per 1 kg. di ricotta al posto della solita fiala. Non si usa la crema pasticciera ed il latte, nel grano si una lo strutto in quantita inferiore al posto del burro. La cannella ha un aroma molto potente che contrasta l’aroma di essenza d’arancio per cui e’ meglio eliminare. Se volete la ricetta scrivetemi. Ciao a tutti.

  65. Bruna — 5 aprile 2012 @ 12:52 pm

    La pasta frolla difficile? Usare quella del supermercato??? Ti prego…. un vero napoletano non farebbe mai una cosa del genere. Scusa ma non sono daccordo con quello che dici.. io la faccio con acqua millefiori, canditi frolla fatta da me e crema pasticcera con grano cotto nel latte… ti garantisco che viene grandiosa!!!!

  66. laura — 5 aprile 2012 @ 4:29 pm

    ahahaha questa l’hai fatta oggi eh eh ! un bacio! ;-D

  67. Misya — 5 aprile 2012 @ 5:21 pm

    Yes :)

  68. Emanuela — 6 aprile 2012 @ 11:08 am

    Hai proprio ragione, mia nonna(di Benevento)la faceva con lo Strega..beh, ti assicuro che non riesco a mangiare quella fatta con i fiori d’arancio o, peggio, con l’acqua di millefiori…troooppo profumata!
    Ma chiaramente, dicevano i latini, de gustibus non disputandum est…ovvero a casa sua ognuno fa un pò come gli pare!!!
    Un saluto e buona Pasqua
    p.s. tempo fa ti avevo mandato un commento chiedendoti se conoscevi la ricetta del tortono con il liquore strega per la mia mamma che ogni anno(anche questo…)si ostina a rifarlo come faceva mia nonna ma con scarsi risultati.Hai notizie per me?

  69. peggy — 6 aprile 2012 @ 6:41 pm

    Hai messo nuove foto!!!ora la pastiera e’ in forno…ti faro’ sapere,ciao e Buona Pasqua

  70. sandra — 6 aprile 2012 @ 6:42 pm

    appena fatta=)

  71. giorgia — 8 aprile 2012 @ 8:50 am

    ieri ne ho fatte 3..buonissime!!!alla fine ho usato la pasta frolla findus da 500gr!

  72. elisa — 11 aprile 2012 @ 10:24 pm

    bruna hai pienamente ragione antonio ma ti prego …ancora con questa storia della crema!!

  73. poziomka — 20 giugno 2012 @ 6:17 pm

    nemmeno nonna ci mette i canditi ma il grano lo lascia tutto intero…usa crema e ricotta come te, ma all’interno la sua (che è la+buona che abbia mai mangiato in vita mia!) è un po’ diversa dalla tua…a te viene+come una torta (almeno dalle foto così sembra) mentre a lei cremosa e morbidissima…una cosa pazzesca fa impazzire chiunque l’assaggi…inoltre, lei ci aggiunge anche il cioccolato fondente a pezzi…
    cmq è troppo bello vedere come ognuno abbia il proprio modo di preparare una ricetta:-)

  74. Natalina — 17 ottobre 2012 @ 12:49 am

    Complimenti per la ricetta, l’ho stampata perchè mia mamma vuole provarla farla, io l’ho già mangiata, è troppo buona 😉

  75. Claudia — 23 dicembre 2012 @ 11:29 am

    Abbiate pazienza, ma è un’eresia…per carità, la pastiera classica non la vuole proprio la crema pasticcera!

  76. giorgio — 17 marzo 2013 @ 3:22 pm

    La vera ricetta della pastiera napoletana,esiste e non ci vuole per niente la cema pasticciera,altrimenti parliamo di TORTA generica.Capisco chi non è napoletano,ma chi lo è sa benissimo che è cosi.Bye GIORGIO E BUONA PASQUA A TUTTI

  77. anna — 18 marzo 2013 @ 10:38 am

    buonaaaaaaaa

  78. simonetta — 19 marzo 2013 @ 11:40 am

    A Forio d’Ischia il famoso pasticciere Mascolo (buonanima)la faceva così ma sono stati dimenticati – forse perchè non piacciono – il cedro, l’arancio e il limone candito.
    provala così, anche Salvatore de Riso a Sorrento aggiunge i canditi, secondo me sono essenziali.
    Comunque brava, finalmente qualcuno che sa cucinare!!!!!!!!!!!!!!!
    Bacioni Simonetta

  79. marvi — 21 marzo 2013 @ 9:56 pm

    Da napoletana doc ke sono nn posso non provare grazie a te a fare anke la pastiera….la faro come tu ci suggerisci….e ti faro sapere…io….speriamo ke me la cavo!!!grz Mysia

  80. carmela filangeri — 22 marzo 2013 @ 12:07 am

    la pastiera è più buona con la sfoglia e non con la pasta frolla

  81. batigabriel — 22 marzo 2013 @ 3:26 pm

    carmela spero che scherzi…..inorridisco..la pastiera è con la frolla…con la sfoglia sarà un altro dolce..
    Flavia scusa la ricetta dice 32 cm di ruoto, qualcuno ti ha chiesto per farne due da 24, e tu hai risposto fai una dose e mezzo, in pratica 48 cm.
    Io dovrei fare due ruoti da 22 e uno da 20 (questi ho :)) totale 64 cm… faccio il doppio delle dosi????non è che è troppo??
    non mi prendete per matto 😀
    ps: le devo fare domani, rispondetemi!!

  82. didi — 29 marzo 2013 @ 8:57 pm

    Ciao, complimenti per le tue ricette!!! Volevo preparare la pastiera con le dosi dimezzate.. mi potresti aiutare? grazie mille. bacii didi

  83. Laura — 29 marzo 2013 @ 10:51 pm

    Buonasera! anche mi zia la fa esattamente così! una domanda però…ma perchè a me si gonfia tanto e si spacca ai lati? ‘ho fatta già altre volte e viene sempre così

  84. patty — 30 marzo 2013 @ 9:08 am

    buongiorno! sto facendo la pastiera secondo la tua ricetta… mia mamma la faceva sempre ma non mi ha mai lasciato la sua ricetta,era molto gelosa della sua cucina! ora che non c’è più ed oggi che è il mio compleanno voglio riempire la mia giornata di profumi e ricordi.. GRAZIE! grazie per le tue belle ricette, ogni tanto ne provo una e faccio sempre bella figura! BUONA PASQUA a te e alla tua famiglia, un abbraccio!

  85. Anto — 30 marzo 2013 @ 11:12 am

    Ciao Misya, l’ho fatta lanno scorso ed e’ stato un successone, come tutte le tue ricette,grazie mille!!
    Ieri a gran richiesta mi sono cimentata di nuovo, ma ho avuto difficolta’con la frolla… Era troppo molle,
    Anche dopo 2 ore di frigorifero, e ho dovuto aggiungere farina per riuscire a stenderla col mattarello, ma servono tutte intere le 5 uova dell’impasto, oppure ho sbagliato?
    Ciao, grazie ancora e Buona Pasqua a te , maritino e bimba!
    Antonella

  86. Vale T. — 30 marzo 2013 @ 4:53 pm

    L’anno scorso avevo fatto la pastiera seguendo la tua ricetta ma avevo avuto problemi con la pasta frolla. Si era tutta appiccicata ma i pezzettini di burro si vedevano. Purtroppo il gusto del grano per la mia famiglia era troppo forte e quest’anno l’ho rifatta togliendo il grano (so da me che non è più una pastiera ma una semplice crostata) però ho avuto lo stesso problema con la frolla. Ho dovuto aggiungere non so quanta farina in più per riuscire a fare il panetto e stenderla. Non capisco come mai!
    Ad ogni modo tanti auguri di Buona Pasqua, un bacio 😀

  87. Loredana — 1 aprile 2013 @ 2:19 pm

    Grazie Misya! Con questa ricetta e il casatiello, ieri ho fatto un figurone a casa dei miei amici! Buona Pasqua!!!

  88. monica1 — 2 aprile 2013 @ 7:43 pm

    Cara Misya…ho fatto la ricetta della tua pastiera..e crema si o crema no…se e’ la vera ricetta napoletana o no…non importa …cio’ che conta che la tua ricetta e’ squisita e la pastiera ha un gusto davvero delicato…complimeti per tutto!!!

  89. Eliana — 24 marzo 2014 @ 1:13 pm

    Volevo sapere il forno ventilato o statico?

  90. Fantasie Golose — 7 aprile 2014 @ 8:34 am

    Ciao Flavia, ho voglia di provare la tua versione di pastiera, mi piace provare sempre nuove ricette :) complimentoni come sempre e buona giornata

  91. roberta — 7 aprile 2014 @ 11:29 am

    ciao mi dispiace ma la vera pastiera napoletana si fa senza la crema pasticcera.
    provala e’ piu’ buona!
    500g di ricotta mista (pecora e vaccina)messa a colare x una notte in frigo
    450 g di zucchero
    8 uova – 2 intere e 6 rossi
    1 vasetto di grano cotto in 1/2 litro di latte intero.
    1 cucchiano di cannella
    1 vanillina
    acqua millefiori.
    ciao
    r

  92. maria — 9 aprile 2014 @ 11:37 pm

    Ciao,ho sempre seguito il tuo blog ma non ho mai avuto il coraggio di scriverti…. In primis i complimenti perché sei bravissima e anke molto chiara e precisa nelle tue spiegazioni e anche un grazie perché con le tue ricette di va sempre a colpo sicuro…. Ora vorrei chiederti ma in questa ricetta posso non mettere la crema pasticcera??cambia qualche dose???? Grazie attendo fedelmente risposta!!!

  93. Giusy — 12 aprile 2014 @ 12:03 am

    Bunissima grazie e buona pasqua misya

  94. Anna86 — 13 aprile 2014 @ 7:16 pm

    Impossibile trovare il grano cotto per la pastiera. LA vorrei fare, perché questa sarà la terza Pasqua che non la mangio. In casa ho il grano, potrei prepararlo io? Sai come? Immagino che debba cuocere nel latte, ma non ho idea :( Buona Pasqua

  95. Amelia — 16 aprile 2014 @ 11:01 am

    Ehi Giusy86 non voglio fare pubblicità occulta perchè sono una casalinga come te ma al Conad c’è il grano in barattolo di vetro Miele che è ottimo io lo uso sempre! Per Misya ho scoperto ormai da un paio d’anni il tuo blog FANTASTICO e soprattutto da buona napoletana vado a prendere x la maggior parte le ricette della nostra tradizione e la pastiera napoletana io la faccio senza crema e ti devo dire viene comunque morbidissima e apprezzatissima da tutta la mia famiglia e io le regalo a tutti loro che apprezzano non sai quanto! Baci e COMPLIMENTONI

  96. Amelia — 16 aprile 2014 @ 11:02 am

    SCUSA ANNA86 ho sbagliato il nome BUONA PASQUA A TUTTI

  97. Pina — 17 aprile 2014 @ 10:42 am

    Ciao non è vero la pastiera si può anke regalare mia mamma ogni anno ne fa piu di 20 e lei le da a tutti noi figli (7) è tutte le sue amiche ke ne vanno matte.

  98. monica elena — 17 aprile 2014 @ 11:40 am

    Ieri sera il mio ragazzo me l’ha preparata per il terzo anno consecutivo e io non vedo che arrivi sabato per assaggiarla (la facciamo riposare un pò) sicuramente sarà buonissima come sempre. Le tue ricette sono sempre un successone. Grazie mille!!!!

  99. Francesca — 17 aprile 2014 @ 5:14 pm

    Misya l’ho fatta ieri. lo ammetto, ho assaggiato il ripieno prima di infornare ed era squisito. domani l’assaggiamo….intanto grazieeee

  100. Daniela — 18 aprile 2014 @ 4:08 pm

    Ciao, ti giuro che in vita mia non ho mai fatto la pastiera, e ti confesso che avevo un po di timore ne farla, ma grazie a te , ieri ne ho fatte tre, e sono venute belle ma sopratutto buonissime, sono contenta di averti scelto tra tante ricette, perche non solo questa mi e venuta bene ma altre.continua cosi che sei bravissima. Buona Pasqua e alla prossima ricetta.

  101. raffa — 19 aprile 2014 @ 11:00 am

    Ho finalmente deciso di cimentarmi nell’impresa scegliendo la tua ricetta e dopo tanta fatica e impegno (fino alle 2 di notte!).. delusione!
    Si è gonfiato tantissimo il ripieno ma è rimasto umidissimo, probabilmente crudo…
    forse ne era troppo?..
    è un peccato perché di sapore embra veramente buona..
    che tristezza!

  102. Francesca — 22 aprile 2014 @ 3:03 pm

    Misya ECCEZIONALE!!!! mi si è gonfiata un pò troppo e questo ha compromesso l’estetica ma il gusto era SUPER! Grazie. Francesca

  103. Daniela — 23 aprile 2014 @ 9:29 am

    Cara Misya…..ho seguito alla lettera la tua ricetta ma non avendo uno stampo da 32 cm ho dovuto fare due pastiere da 24 cm. Eppure gli ingriedienti erano comunque troppi e non sono riuscita a mettere dentro tutto l’impasto che era tanto….Alla fine hanno cotto quasi due ore e la crema non si è indurita come nelle tue foto ma è rimasta morbida….Avrò sbagliato qualcosa….La mia pastiera è venuta alta alta 5 cm….circa e molto consistente……ma buona…

  104. Antonella — 17 marzo 2015 @ 12:18 pm

    Ciao Misya nonostante la pastiera sia un dolce che anche in Calabria si ama riprodurre io ho sempre avuto un po’ di timore mi sembra molto delicata ma quest’anno voglio provarci e volevo chiederti ma tu di grano hai usato quello nei barattoli di vetro che vendono al supermercato precotto?

  105. Misya — 17 marzo 2015 @ 6:06 pm

    @Antonella Sì, proprio quello!

  106. Antonella — 17 marzo 2015 @ 8:13 pm

    Per la crema di ricotta lo zucchero deve essere a velo?

  107. Misya — 18 marzo 2015 @ 10:41 am

    @Antonella No, va bene quello normale

  108. Anna — 18 marzo 2015 @ 2:30 pm

    Ciao Flavia, come ogni anno vorrei preparare la pastiera seguendo la tua ricetta ma quest’anno purtroppo lavorerò fino all’ultimo giorno quindi pensavo di prepararla in anticipo (almeno di una settimana) e congelarla. Secondo te come potrebbe risultare? non mi convince molto ma non voglio rinunciarci!E secondo te dopo averla cotta o prima? Aspetto tue notizie. Baci

  109. Misya — 18 marzo 2015 @ 5:42 pm

    @Anna Va benissimo, ma meglio farlo dopo la cottura (ovviamente falla raffreddare benissimo, prima di metterla in freezer!)

  110. Anna — 18 marzo 2015 @ 5:52 pm

    Immaginavo fosse meglio dopo la cottura!!!Ci proverò e ti farò sapere!

  111. Stefania — 23 marzo 2015 @ 7:13 pm

    E’ il mio dolce di Pasqua preferito anche se ultimamente per far felice i miei bimbi preparo la “Pastiera alla Nutella”. Ciao a tutte 😉

  112. Misya — 24 marzo 2015 @ 10:21 am

    @Stefania Ecco, ora sono curiosa… Intendi proprio pastiera, con grano e tutto, oppure più una crostata?

  113. Deborah — 27 marzo 2015 @ 8:02 pm

    salve vorrei sapere se metti un po di canditi e in che momento vanno aggiunti?? Grazie mille e complimenti x ik blog

  114. Misya — 30 marzo 2015 @ 9:30 am

    @Deborah Io di solito non li metto, perché a casa mia non piacciono… Ma se vuoi, puoi aggiungerne circa 50 gr alla crema di grano 😉

  115. Antonella — 3 aprile 2015 @ 1:10 pm

    Ciao Misya volevo chiederti se é possibile farla in due fasi cioè posso fare ora la crema di grano e la sfoglia e conservarla in frigo e assemblare poi tutto domani mattina?

  116. Misya — 3 aprile 2015 @ 1:32 pm

    @Antonella Certo!

  117. Antonella — 4 aprile 2015 @ 10:32 am

    Ho la pastiera in forno la prova del nove per sapere sse écotta?

  118. diana — 4 aprile 2015 @ 9:26 pm

    Ciao Misya, intanto ti faccio tanti auguri di buona Pasqua :)!!!
    Ieri ho preparato per la prima volta la tua ricetta della pastiera…il risultato è stato abbastanza buono,considerando che era la prima volta!! l’unico chiarimento che ti chiedo è la frolla mi è sembrata troppa x uno stampo da 32 cm..ne è avanzata un bel po..credo ke potevo farne un’altra piu piccola…e poi la frolla si appiccicava molto al piano di lavoro..?? è normale..?? ho sbagliato qlcs?? e poi,nel forno deve stare centrale o nella parte bassa..?? ho fatto anche il babà rustico…disastroooo ti lascio il commento sotto la ricetta ;)… ciao e grazie x le tante idee…

  119. Deborah — 5 aprile 2015 @ 9:12 pm

    Ciao! Quest’anno ho deciso di eseguire la tua ricetta della pastiera e il risultato è stato strepitoso! E’ la più buna pastiera che abbia mai mangiato! Complimenti davvero e grazie!

  120. Misya — 6 aprile 2015 @ 10:15 am

    @Antonella Direi dal colore: deve essere bella brunita!

    @diana L’hai fatta riposare abbastanza in frigo? Non è che l’hai stesa troppo sottile?

    @Deborah Mi fa molto piacere!

  121. diana — 7 aprile 2015 @ 6:13 pm

    allora… credo che a parte quel piccolo inconveniente la riuscita è stata ottima (secondo il mio gusto) la pastiera dopo alcune ore da qnd l’avevo sfornata l’ho voluta assaggiare nn ho resistito!!!! e le striscette erano un po friabili quindi tendeva a spaccarsi….ma il giorno dopo era buonissimaaaa!!! io sono molto critica qnd faccio qlcs ma a mio marito è piaciuta tantissimo… penso ke qst sarà la mia ricetta della pastiera anche x il futuro. Grazie!

  122. Misya — 8 aprile 2015 @ 9:21 am

    @diana Ahahah, mi fa davvero piacere! Eh, sì, il giorno dopo è sempre migliore, la pastiera 😉

  123. Paola — 22 settembre 2015 @ 1:08 pm

    No cara Misya…la crema pasticcera proprio no!
    Questa è la versione salernitana…quella napoletana doc non prevede la crema.
    La mia ha le tue stesse dosi ma senza crema…provare per credere!
    La proverai?

  124. Misya — 22 settembre 2015 @ 5:29 pm

    @Paola Come ho specificato, ognuno ha la sua variante e questa è la mia… ad ogni modo ho fatto anche la pastiera senza crema: http://www.misya.info/2015/03/30/pastiera-napoletana.htm

  125. anna — 7 dicembre 2015 @ 11:48 pm

    ottima

  126. Misya — 9 dicembre 2015 @ 12:38 pm

    @anna grazie :)

  127. Raffaella — 28 febbraio 2016 @ 10:06 pm

    Ciao Misya!!stavo leggendo la ricetta della pastiera,xkê quest’anno vorrei provare a farla..(non l’ho mai fatta,e chissà come verrà).ma scusa la domanda sciocca,ma quante ne vengono con tutti questi ingredienti???grazie mille dei tuoi preziosi consigli e delle tue belle ricette!baci

  128. Misya — 29 febbraio 2016 @ 12:09 pm

    @Raffaella Ne esce solo 1, grande, da 32 cm

  129. Raffaella — 29 febbraio 2016 @ 1:48 pm

    Grazie x avermi risposto!appena la faccio ti farò sapere!un abbraccio

  130. Misya — 29 febbraio 2016 @ 6:16 pm

    @Raffaella Perfetto, allora aspetto notizie!

  131. tina — 29 febbraio 2016 @ 8:42 pm

    ciao misya cosa intendi per lavare il grano ? io prendo il precotto x la pastiera quello nel vetro ma non mai lavato

  132. Misya — 1 marzo 2016 @ 10:09 am

    @tina Intendo proprio di lavare il grano precotto sotto l’acqua corrente: mia nonna lo fa e io ho imparato da lei a fare la pastiera 😉

  133. Tina — 2 marzo 2016 @ 2:19 am

    Misya allora lo farò anche io mai fatto perché non lo sapevo ma la nonna e la nonna e no si contradice grazie , io amo le ricette della nonna. questa non L ho mai fatta ne ho un’altra senza la pasticera ma ho dato questa ricetta ad una mia parente e ha fatto un successone e questo anno farò questa .

  134. Misya — 2 marzo 2016 @ 10:30 am

    @Tina Senza la crema ho quest’altra ricetta, se vuoi: http://www.misya.info/2015/03/30/pastiera-napoletana.htm

  135. Mariella — 16 marzo 2016 @ 5:19 pm

    GraIe per la ricetta che ho già sperimentato, mi piacerebbe sapere, se è possibile, facendo piccole pastiere che voglio regalare alle mie migliori amiche, i tempi di cottura, immagino che per una pastiera in contenitore rettangolare piccolo (20x12cm) il tempo di cottura sia inferiore.!
    Grazie e cordiali saluti

  136. Misya — 16 marzo 2016 @ 6:48 pm

    @Mariella Fai 2/7 di dose (dividi tutti gli ingredienti per 7 e moltiplichi il risultato per 2) (per le uova puoi usare 1 uovo e 1 tuorlo)
    PS: sì, il tempo di cottura diminuirà abbastanza

  137. Antonio — 18 marzo 2016 @ 7:50 pm

    Ciao Misya, volevo provare a usare questa tua ricetta ma volevo usare uno stampo di alluminio tondo di diversa misura, cioè il fondo è 26cm e il bordo superiore è 30cm. Vanno bene lo stesso le dosi o le devo diminuire? E di quanto?? Grazie

  138. Misya — 21 marzo 2016 @ 10:00 am

    @Antonio Fai una dose da 3 uova

  139. carmela — 22 marzo 2016 @ 4:15 pm

    Ciao misya che tipo di ricotta usi x la pastiera. Mia madre usa la romana mentre mia suocera di cestino tu quale mi consigli grazie

  140. Tina — 23 marzo 2016 @ 11:46 am

    Ciao Flavia, volevo fare 3 pastiera del diametro di 24 che dosi mi consigli un abbraccio

  141. Misya — 24 marzo 2016 @ 10:59 am

    @carmela Io uso quella romana, ma immagino che ricetta diversa possa prevedere ricotta diversa 😉

    @Tina Credo che con una dose da 11-12 uova (al posto delle 5) dovresti riuscire a farle tutte e 3

  142. Tina — 24 marzo 2016 @ 12:03 pm

    Grazie Flavia ,ultima cosa non ho le fialette piccole del aroma fiori d arancio ma bensì la grande da 85 ml quanta ne dovrei metterne ? non credo tutt’a perché è enorme

  143. Misya — 24 marzo 2016 @ 12:22 pm

    @Tina Credo che le fialette monodose in commercio contengano 2-5 ml

  144. Raffaella — 25 marzo 2016 @ 4:45 pm

    Ciao Flavia!!!!con la tua splendida ricetta..ho provato x la prima volta a fare la pastiera…a mio marito è piaciuta molto!!!grazie mille,è stato un successo!ti auguro una serena Pasqua a te tuo marito e alla piccola Elisa😘😘😘

  145. Misya — 25 marzo 2016 @ 6:31 pm

    @Raffaella Grazie mille, buona Pasqua anche a te!

  146. Ale — 27 marzo 2016 @ 9:25 pm

    Ho seguito la ricetta ma purtroppo a dispetto di un ottimo sapore del ripieno il risultato è stato non troppo soddisfacente a causa della regione cetra dellavpasta frolla che è vrimasta dura e non si è amalgamata con il tutto..
    Peccato 😩

  147. Misya — 29 marzo 2016 @ 10:00 am

    @Ale Non ho capito, cosa è successo?

  148. Tina — 30 marzo 2016 @ 8:51 pm

    Pastiere perfette non ho cambiato le dosi ne sono uscite due da 24 . Wow grazie la metto nelle
    Mie ricette preferite😘

  149. Misya — 31 marzo 2016 @ 9:13 am

    @Tina Ottimo, mi fa piacere!

      
TAGS: Ricette di Pastiera | Ricetta Pastiera | Pastiera